Le 6 droghe più diffuse tra i manager

di Redazione | 16/12/2015

droghe del lavoro

Droga del lavoro

, molti manager utilizzano stupefacenti per rafforzare le loro prestazioni fisiche e mentali. Le situazioni di particolare stress vissute da chi guida un’azienda così come l’impossibilità di subire cali di tensione spingono a utilizzare droghe, in modo anche pericoloso per la dipendenza.

 

LEGGI ANCHE

Captagon, ecco la droga che toglie la paura ai terroristi dell’Isis

  • 1. Benzodiazepine. Valium, Tavor o Lexotanil appartengono al gruppo delle benzodiazepine e sono psicofarmaci particolarmente forti, calmanti o ansiolitici consumati piuttosto diffusamente tra i manager. In particolare il Tavor è un farmaco molto apprezzato tra i vertici delle imprese americane. Le benzodiazepine danno però dipendenza in relativamente poco tempo e possono provocare seri danni.
  • 2. Melatonina. I manager che viaggiano in giro per il mondo e sono costretti a subire gli effetti del jet lag cercano di riequilibrare il proprio ritmo vitale con la melatonina. I farmaci composti con questa sostanza non provocano dipendenza come il Tavor, e non sembrano avere effetti così negativi in caso di abuso, anche se mancano studi scientifici adeguati.
  • 3. Doping cerebrale. Esistono alcuni farmaci, come il noto Ritalin, che rafforzano le capacità cognitive delle persone: assumendo queste sostanze si diventa più svegli, attenti e complessivamente più produttivi. Ritalin o Modafinil sono definiti come doping cerebrale proprio per questi effetti, e chi vuole ottenere un miglioramento delle prestazioni ricorre anche alle più note anfetamine. Oltre al pericolo dipendenza, il doping cerebrale provoca diversi effetti collaterali, come l’incapacità di prendere sonno, emicrania, stati di ansia fino ai disturbi cardiocircolatori.
  • 4. Cocaina. Una delle droghe più utilizzate dai manager è la cocaina. Questo stupefacente non è consumato solo per l’uso ricreativo che se ne fa, ma anche per la sua capacità di migliorare le prestazioni cognitive delle persone. Gli effetti della cocaina sono comparabili alle anfetamine e agli altri farmaci del cosiddetto doping cerebrale, anche se i danni provocati dalla più facile dipendenza sono maggiori.
  • 5. Antidepressivi. Molti manager prendono antidespressivi per beneficiare di un effetto stimolante. I farmaci sono però composti per combattere contro uno stato di depressione, e sono sostanzialmente inefficaci come droghe per stimolare le proprie prestazioni e prevenire l’ansia.
  • 6. Alcol. Nel recente passato l’alcol era l’unica droga accettata socialmente per i manager, che ne abusavano per contrastare stati d’ansia e regalarsi maggior forza. L’alcol consumato regolarmente in quantità eccessiva provoca però numerosi problemi di salute, e la sua dipendenza provoca effetti opposti a quelli desiderati.