Caso Yara Gambirasio
|

Caso Yara Gambirasio: la Corte d’Appello ammette l’utilizzabilità dei dati Dna grezzi

Caso Yara Gambirasio. Sono stati giudicati utilizzabili i dati grezzi alla base della relazione del Ris con cui è stato estrapolato il Dna di Ignoto 1, identificato in Massimo Bossetti. Lo hanno stabilito i giudici della Corte d’Assiste di Bergamo. L’inutilizzabilità dei dati grezzi era stata chiesta dalla difesa del muratore di Mapello.

Caso Yara Gambirasio
I legali di Massimo Bossetti, Claudio Salvagni e Paolo Camporini ANSA / PAOLO MAGNI

LEGGI ANCHE: Massimo Bossetti ha tentato il suicidio in cella con una cinghia

 

CASO YARA GAMBIRASIO: SCONTRO DIFESA – ACCUSA

Secondo gli avvocati Claudio Salvagni e Paolo Camporini il deposito di un’integrazione riguardo a dati precedenti veniva considerata per loro lesiva del diritto di difesa. I due legali di Massimo Bossetti, imputato per l’omcidio di Yara Gambirasio, avevano rinunciato in polemica con l’accusa al controesame di due ufficiali del Ris sui cosiddetti ‘dati grezzi’ che rappresentano i fogli di lavoro che descrivono la procedura attraverso la quale il Ris era giunto all’estrapolazione del Dna di Ignoto 1. I due legali di Massimo Bossetti avevano inoltre stigmatizzato il deposito di un’integrazione parlando di “gioco delle tre carte”. Il pm Letizia Ruggeri aveva replicato che non si trattava di “dati diversi, ma ulteriori” e aveva definito “al limite della calunnia” le parole dei legali.
(Photocredit copertina ANSA / PAOLO MAGNI)