LOTITO GIUBILEO
|

Giubileo, il Vaticano diffida Lotito

Nulla da fare, nonostante le insistenze di Claudio Lotito. Il Vaticano non ne ha voluto sapere di far inserire la Lazio nelle iniziative per il Giubileo. E lo ha pure “avvertito”, come ha spiegato la Gazzetta dello Sport in un articolo di Alessandro Catapano: la Lazio non potrà utilizzare il logo ufficiale dell’evento religioso. Quello mostrato dalla squadra biancoceleste nella maglia utilizzata contro la Juventus era infatti soltanto un “omaggio personale del presidente della Lazio all’Anno Santo”. Nulla di più.

 

GIUBILEO, LOTITO DIFFIDATO DAL VATICANO –

A ricostruire la vicenda è stata la Gazzetta:

L’11 ottobre scorso Pallotta ha annunciato di aver istituito per il 3 settembre 2016 la Festa della famiglia della Roma: un evento di intrattenimento, probabilmente con un’amichevole di lusso, in cui per l’occasione sulle maglie giallorosse comparirà il logo ufficiale del Giubileo. Quando è stato annunciato, al termine di una trattativa di mesi, Claudio Lotito è impazzito. Già, il cattolicissimo moralizzatore del calcio italiano battuto da un americano a Roma. La Lazio doveva avere lo stesso trattamento. E così, il presidente si è rivolto ai suoi amici per farsi largo in Vaticano. Una, due, tre telefonate. Ci ha provato in tutti i modi, arrivando a parlare perfino con la Segreteria di Stato. Ma dalla Santa Sede la risposta è stata sempre la stessa: no, grazie. Anzi, alla fine, piuttosto scocciati, lo hanno pure diffidato dall’usare il logo ufficiale del Giubileo»