|

Afghanistan, il fuoco amico fa strage vicino a una moschea

Almeno 14 persone sono state uccise stamane nei pressi di una moschea nella provincia di Wardak, nell’Afghanistan centro orientale. Tutte le vittime sono civili, due i bambini. La tragedia causata da un missile o da un colpo di mortaio sparato dall’esercito afghano.

 

 Edouard GUIHAIRE In this picture taken on September 23, 2013, Afghan men and women walk in Maidan Shar hospital in Maidan Shar city, capital of Wardak province. A Taliban attack wrecked the operating theatre and left 160 staff and patients wounded, but the Maidan Shar hospital has never stopped serving the people of one of the most dangerous parts of Afghanistan. AFP PHOTO/Shah MARAI (Photo credit should read SHAH MARAI/AFP/Getty Images
L’ospedale di Maidan Shar (Photo credit should read SHAH MARAI/AFP/Getty Images

AFGHANISTAN, L’ESERCITO FA STRAGE IN MOSCHEA –

Venerdì con strage in moschea per l’Afghanistan, niente di straordinario se non fosse che in questo caso all’origine della strage che ha ucciso 14 persone, tra le quali due bambini di 12 e 14 anni, sembra essere un colpo di mortaio o un missile sparato dall’esercito afghano in quello che una fonte governativa ha definito un «security incident», che sarà verificato probabilmente da un’apposita commissione investigativa inviata in loco. In un primo momento si era sparsa la voce della morte di 8 bambini, ma poi diverse fonti locali hanno validato un bilancio diverso, al quale vanno aggiunti sei feriti.

LEGGI ANCHE: Afghanistan, l’Italia resterà un altro anno

AFGHANISTAN, IGNOTI I MOTIVI DELLA STRAGE –

L’incidente è avvenuto alle 11 di questa mattina nel villaggo di Dandokai, nel distretto di Sayed Abad, poi i corpi e i feriti sono stati portati all’ospedale di Maidan Shar, la capitale della provincia. Non prima che i loro concittadini furiosi abbiano sfilato in corteo portando i corpi di alcune delle vittime fino sotto le finestre del governatore della provincia in segno di protesta. Il motivo dell’incidente resta al momento oscuro, anche perché non pare ci fossero combattimenti in corso e perché in ogni caso nessuno ha fatto ipotesi sul perché una postazione dell’esercito, messa a guardia di un villaggio, abbia sparato all’indirizzo della sua moschea nel giorno della preghiera.