bambini siriani armi stati uniti
|

La bufala della foto dei bimbi siriani che vanno negli Usa con le armi in mano

Un gruppo di bambini siriani, piccoli profughi pronti per arrivare negli Stati Uniti, che imbracciano le armi, in gesto di sfida nei confronti degli Stati Uniti. La foto sta facendo il giro del web, soprattutto negli Stati Uniti, ma si tratta di un falso.

bambini siriani armi stati uniti
Foto: Facebook – via Snopes.com

GLI ORFANI SIRIANI ARRIVANO NEGLI STATI UNITI CON LE ARMI –

Come ricostruisce Snopes, lo scorso 25 novembre un utente di Facebook di nome David Ables ha condiviso sulla propria bacheca una foto che mostra un gruppo di orfani siriani che imbracciano un fucile a testa, accompagnata da una didascalia che lascia intendere come questi bambini facciano pare del gruppo di profughi pronti a giungere negli Stati Uniti: «Questi orfani siriani che Obama ci ha detto essere pronti per arrivare negli Stati Uniti. Non sono carini?»

LA VERITÀ SU QUELLA FOTO –

In realtà, i bambini di quella foto non sono siriani e non sono profughi: non è nemmeno detto che siano orfani, né che quelle che tengano tra le braccia siano armi vere. Quella fotografia, infatti, è stata scattata nel luglio 2014, durante Al-Quds, in Pakistan. Lo scatto è stato diffuso dalle principali agenzie fotografiche con una descrizione che spiega come quei bambini siano musulmani sciiti pakistani, durante una manifestazione di protesta:

Bambini musulmani sciiti imbracciano armi giocattolo durante una manifestazione di protesta contro Israele e la politica statunitense in Medio Oriente, nel giorno di Al-Quds (Jerusalem Day) a Karachi, in Pakistan, 25 luglio 2014. Molti paesi musulmani osservano il giorno di Al-Quds, una giornata di protesta istituita nel 1979, dall’Ayatollah Khomeini, che cade nell’ultimo venerdì del mese di Ramadan. Si tratta di un giorno in cui si esprime i proprio supporto per i palestinesi e la loro resistenza nei confronti dell’occupazione israeliana.

Si tratta quindi dell’ennesimo caso di strumentalizzazione che corre sui social media.

(Foto copertina: Facebook – via Snopes.com)