Sciopero Atac Roma venerdi 4 dicembre 2015: orari e informazioni

di Maghdi Abo Abia | 03/12/2015

Sciopero Atac Roma 4 dicembre

Sciopero Atac Roma venerdì 4 dicembre 2015: i romani devono prepararsi a una giornata di passione. Gli autisti dell’Atac incroceranno le braccia in un giorno in cui è prevista la circolazione a targhe alterne per mitigare gli effetti dello smog insieme al blocco delle auto più inquinanti.

Sciopero Atac Roma 4 dicembre
ANSA/ FABIO CAMPANA

SCIOPERO ATAC ROMA VENERDI 4 DICEMBRE 2015: L’AGITAZIONE

Sciopero Atac Roma venerdì 4 dicembre 2015: l’agitazione è stata indetta inizialmente sia dall’Atac sia da Roma Tpl ed è stata confermata solo dalla municipalizzata dei trasporti. A seguito della firma dell’accordo in Prefettura Cgil, Cisl, Uil hanno revocato l’astensione dal lavoro. Invece il sindacato Cambia-Menti ha confermato l’agitazione dalle 8.30 alle 12.30: possibili quindi cancellazioni di bus, tram, filobus, metropolitane e corse delle ferrovie Roma-Lido, Termini-Centocelle e Roma-Nord. L’Agenzia per la mobilità ha fatto sapere che «nelle stazioni della metropolitana, in caso di assenza del personale addetto, scale mobili e ascensori potrebbero fermarsi a prescindere dallo stop del servizio. Inoltre, in metropolitana, in caso di chiusura delle stazioni, al termine della protesta bisognerà attendere i tempi tecnici di riattivazione del servizio».

 

LEGGI ANCHE: Sciopero Atac Roma venerdì 4 dicembre, il garante: «Sindacati irresponsabili»

 

SCIOPERO ATAC ROMA VENERDI 4 DICEMBRE 2015: PREVISTE TARGHE ALTERNE

Come detto, la giornata dei romani può essere complicata dalle targhe alterne previste nella giornata di domani. Per questo motivo venerdì non potranno circolare auto e moto con l’ultima cifra della targa dispari dalle 7.30 alle 12.30 e dalle 16.30 alle 20.30 mentre potranno viaggiare veicoli a metano, gpl, ibride, euro 6 e ciclomotori euro 2 e motocicli euro 3. Resteranno interdetti gli autoveicoli euro 0 all’interno della fascia verde a cui sarà vietato circolare a partire dal 15 dicembre. (Photocredit copertina ANSA/MASSIMO PERCOSSI)