Elezioni Milano 2016
|

Elezioni Milano 2016, Renzi e Pisapia: «Sì a primarie aperte a tutti»

Elezioni Milano 2016, Matteo Renzi e Giuliano Pisapia si sono detti d’accordo a istituire delle primarie libere e aperte a tutti per Milano. La segreteria non imporrà quindi il proprio candidato e la città potrà lavorare a nomi appartenenti al tessuto locale. Decideranno quindi gli elettori. E iniziano a uscire i primi nomi.

 

Elezioni Milano 2016
ANSA/ANGELO CARCONI

LEGGI ANCHE: Elezioni Milano 2016: quando e come si vota per il sindaco alle Comunali

ELEZIONI MILANO 2016: «SÌ A PRIMARIE APERTE A TUTTI»

Matteo Renzi e Giuliano Pisapia dopo un’ora passata al Nazareno hanno deciso che per Milano il candidato si deciderà attraverso delle primarie “aperte”. Niente più vincoli di segreteria o azioni di correnti. I candidati si presentano, corrono e si sfidano. Il vincitore sarà appoggiato da tutta la coalizione. All’incontro era presente anche Francesca Balzani, vicesindaco indicato come suo “erede” da Pisapia. Questo meccanismo dovrebbe “blindare” anche la partecipazione di Giuseppe Sala come candidato del “nazionale”. Si muove anche l’assessore alle politiche sociali Pierfrancesco Majorino che ha annunciato la sua intenzione di correre. Ora sarà importante attendere la decisione di Emanuele Fiano, altro esponente Pd dichiaratosi pronto a partecipare alle primarie.

(Foto di copertina: ANSA / ANGELO CARCONI)