Tribunale di Roma, ecco dove vogliono spostarlo

di Redazione | 25/11/2015

tribunale di roma

Tribunale di Roma, ecco dove sarà spostato: riprende piede il vecchio progetto di spostare, almeno in parte, la città giudiziaria della Capitale nella caserma dismessa di viale Giulio Cesare, sempre nel quartiere Prati. Che gli uffici giudiziari romani siano una sorta di girone infernale è diventato nel tempo quasi un luogo comune per addetti ai lavori e cittadini della capitale; già da anni si parla di spostarli, anche perché sono gli stessi giudici a far presente che si può razionalizzare quanto si vuole, ma senza spazi si va poco lontano.

TRIBUNALE DI ROMA, ECCO DOVE VOGLIONO SPOSTARLO

Grazie all’interessamento di Palazzo Chigi, la situazione si starebbe per sbloccare. Ce ne parla il Messaggero nella Cronaca di Roma.

L’ex presidente del tribunale capitolino, Giorgio Santacroce, ne aveva fatto una questione di principio, scrivendo un appello al governo nel 2010. Ma ora la proposta torna operativa. Il governo ha intenzione di investire una cifra tra i 20 e i 30 milioni di euro per spostare almeno una parte degli uffici giudiziari capitolini nell caserma Manara di via Carlo Alberto Dalla Chiesa, praticamente all’angolo con gli uffici del tribunale civile. Il progetto sarà contenuto in un emendamento alla manovra di stabilità, insieme a quelli dedicati alla sicurezza. Al momento, proprio il civile dovrebbe essere il primo ufficio giudiziario a giovare dell’allargamento. Da tempo, le aule sono sottodimensionate e molti giudici devono alternarsi in un unico ufficio anche solo per poggiare le proprie cose e ”sciogliere le riserve”. Ora il progetto dovrebbe migliorare la situazione di sovraffollamento. Nella caserma Manara dovrebbero arrivare anche gli uffici giudiziari che al momento sono, in affitto, in via Gregorio VII, compreso il giudice di pace penale. Il resto della città giudiziaria, almeno per il momento, resta dov’è. L’ipotesi di far convogliare l’intera struttura giudiziaria di Roma (la più grande d’Europa) in un unico spazio rimane in campo anche se la caserma di Prati potrebbe essere troppo piccola per ospitare uffici giudiziari e aule del penale, ora tutte a piazzale Clodio.

LEGGI ANCHE: Tribunale di Roma, così Massimo Carminati svaligiò la banca interna prima di Mafia Capitale

Giorgio Santacroce l’aveva scritto chiaramente già nel 2010: dateci la caserma di viale Giulio Cesare.

Ogni razionalizzazione dell’esistente – scriveva il magistrato – è resa impossibile dalla mancanza di ogni margine di espansione, essendo esauriti gli interventi per trasformare ad uffici anche spazi originariamente destinati a corridoi. Unica prospettiva potrebbe derivare dall’assegnazione all’amministrazione giudiziaria della caserma “Manara”, in viale Giulio Cesare/Viale delle Milizie, attigua a quelle già adibite ad uffici giudiziari del c.d. polo civile. Iniziativa già avviata anche in passato, ma ad oggi senza concreti sviluppi».

Fino ad oggi non se n’è mai fatto nulla, poi Palazzo Chigi ha preso in mano il dossier.

A sbloccare definitivamente la caserma Manara, però, è stata una ferma volontà di palazzo Chigi che da tempo voleva raccogliere le tante segnalazioni arrivate dagli uffici giudiziari della capitale. Il fatto che ora a gestire anche gli spazi fisici dei tribunali sia il titolare di via Arenula ha reso tutto più semplice. Il capitolo di spesa, per un totale di 20 o 30 milioni di euro, dovrebbe viaggiare parallelamente al decreto Giubileo ed essere inserito tra gli emendamenti alla legge di stabilità, assieme al miliardo promesso dal premier su tutta la sicurezza.

Copertina: AnsaFoto