Dinamo Sassari: esonerato Romeo Sacchetti, il tecnico del “triplete”

di Maghdi Abo Abia | 21/11/2015

Romeo Sacchetti

Romeo Sacchetti non è più il tecnico della Dinamo Sassari, squadra con cui la scorsa stagione ha fatto il “triplete”, conquistando Scudetto, Coppa Italia e Supercoppa Italiana. Una notizia bomba destinata a scuotere nelle fondamenta il basket italiano. La conferma è arrivata dalla società: “si è chiuso un ciclo”. Fatale al tecnico di Altamura il cammino in Eurolega con sei sconfitte in sei partite.

Romeo Sacchetti esonerato
ANSA/EPA/JORGE ZAPATA

LEGGI ANCHE: Lamar Odom, l’ex stella del basket trovato privo di sensi in un bordello

ROMEO SACCHETTI, LE RAGIONI DELL’ESONERO

Romeo Sacchetti lascia quindi la Sardegna dopo sette anni. Con lui la Dinamo Sassari è approdata in Serie A, ha vinto due coppe Italia (2014 e 2015), uno Scudetto (2015) e una Supercoppa Italiana (2015). Romeo Sacchetti se ne va con la Dinamo Sassari al sesto posto dopo 7 giornate con 8 punti, a quattro dalla vetta, e con il miglior attacco, 581 punti. La società, per voce del Presidente Stefano Sardara, ha commentato dicendo che il ciclo del tecnico di Altamura si era concluso con la fine dello scorso Campionato: “Ci dispiace moltissimo perché umanamente Meo è un allenatore che ci ha dato tanto. La prossima settimana inizierà un nuovo ciclo, speriamo sotto i migliori auspici. La squadra verrà affidata ai due assistant coach al momento”. 

ROMEO SACCHETTI, I TIFOSI CONTRO LA SOCIETÀ “LA COLPA È DEI GIOCATORI, MEO NON C’ENTRA!”

I tifosi della Dinamo Sassari hanno accolto con stupore la decisione del Presidente Stefano Sardara. O meglio, i commenti sono unanimemente negativi, con diverse punte di rabbia. Tutti sono con Romeo Sacchetti da Altamura, l’uomo ritenuto artefice di successi della Dinamo Sassari. Allo stesso tempo attaccano la società colpevole di aver smontato la squadra del triplete con conseguenti scommesse di giocatori al momento non ritenuti all’altezza. E l’urlo è pressoché unanime: “Romeo Sacchetti resti a Sassari”. O che alleni l’Islanda!