Audio su bomba Lepanto su Whatsapp, Renzi: «Procurato allarme, non credete alle bufale»

di Redazione | 20/11/2015

isis a Roma

«In queste ore su Whatsapp sta girando un messaggio falso: ho dato mandato agli inquirenti di capire chi è l’autore perché per me è procurato allarme. Dice ‘non uscite di casa’, l’obiettivo è di farci vivere nel terrore”. Lo ha detto il presidente del consiglio Matteo Renzi visitando il nuovo pronto soccorso dell’ospedale Santo Spirito.

L’AUDIO SU WHATSAPP

Il riferimento del premier è a un messaggio audio diventato virale nelle ultime ore in cui una mamma avverte la propria figlia di non uscire di casa perché l’Isis vorrebbe colpire le zone centrali della capitale e prenderebbe di mira i ragazzi. La donna cita una sua amica del ministero dell’Interno. Secondo la mamma, inoltre, i giornalisti avrebbero nascosto alla pubblica opinione il reale allarme bomba di ieri nella stazione metro di Lepanto. La redazione di Giornalettismo aveva segnalato già ieri sera alla polizia postale l’audio in questione.

Il premier Matteo Renzi ha voluto inviare un messaggio audio contro la bufala:

L’AUDIO SU WHATSAPP, APERTA UN’INDAGINE –

Nel frattempo la Procura di Roma ha annunciato l’apertura di un fascicolo di indagine non appena giungeranno a Piazzale Clodio i primi risultati degli accertamenti affidati alla Polizia. Secondo quanto riporta l’ANSA la Polizia Postale è al lavoro per l’identificazione della donna stessa, nei cui riguardi potrebbe essere ipotizzato il reato di procurato allarme.