“In Viaggio”: Unicef vi racconta la guerra ignorata dai media in teatro

di Redazione | 19/11/2015

In viaggio Unicef

Raccontare la guerra con gli occhi di chi c’è stato. Quella guerra che i media oggi ignorano. Andrea Iacomini, portavoce dell’Unicef Italia, spiega le zone del conflitto nella rappresentazione teatrale dal titolo “In viaggio” (verso il giorno dopo). Si parte il 23 Novembre dal palco del Franco Parenti di Milano e a Roma presso il Teatro dell’Orologio il 15 e 16 dicembre. «Dopo aver girato l’Italia negli ultimi 18 mesi – spiega Iacomini – per raccontare guerre e violenze dimenticate e oggi clamorosamente tornate alla ribalta, come il conflitto in Siria che dura da 5 anni, ho deciso di raccontare in prima persona a teatro le storie di tanti bambini spesso invisibili. E’ una nuova sfida culturale che scommette sul teatro come forma di comunicazione diretta e di divulgazione su temi spesso dimenticati dai mezzi di comunicazione. Un invito a una riflessione su tematiche considerate distanti e spesso poco conosciute nella loro complessità».

L’intero costo del biglietto di 15 euro sarà interamente donato all’UNICEF .

LEGGI ANCHE: Il commento sui vaccini di Unicef che vince l’internet a mani basse

IN VIAGGIO: UNICEF E LA CAMPAGNA “DALLA PARTE DEI BAMBINI”

– Uno spunto per riflettere su come oggi il mondo dei media rappresenti queste vicende e un viaggio ideale tra parole, suoni, musica e immagini. Questo sarà “In viaggio” dove Iacomini, giornalista professionista e autore di numerosi editoriali, articoli su tematiche legate all’attualità e alla politica estera spiegherà nel meglio ciò che di fatto fa da anni nelle scuole e piazze italiane. Il direttore responsabile della rivista dell’UNICEF Italia “Dalla parte dei bambini” spiega i motivi del racconto che ora approda anche nei teatri: «Non possiamo abbassare la guardia rispetto alle tragedie umanitarie come la guerra in Siria che continuano ad insanguinare il pianeta. Questa rappresentazione si pone l’obiettivo di tenere alta l’attenzione di fronte all’indifferenza generale». Iacomini è appena tornato da una missione in Giordania nei campi profughi di Za’atari e Azraq che lo ha portato fino al confine con la Siria.

guarda la gallery:

IN VIAGGIO: UNICEF I MOTIVI DELLO SPETTACOLO

– “In viaggio” è scritto e diretto dal regista Paolo Vanacore, accompagnato dalle musiche del maestro Alessandro Panatteri, con la partecipazione delle attrici Silvia Antonini e Sina Sebastiani Del Grillo. Realizzato in collaborazione con l’Associazione Buona Cultura, fa parte della campagna dell’Unicef Italia Bambini in pericolo. Perché questo spettacolo?

Lo spettacolo è un viaggio tra mille perché. Perché i media non hanno raccontato 4 anni di guerra in Siria nel suo crudele quotidiano bollettino di morte dove hanno perso la vita migliaia di bambini innocenti? Perché siamo così distratti e indifferenti tanto da non vedere il dramma di milioni di profughi che hanno lasciato le proprie case fino ad arrivare qui, da noi, in Europa?
Il teatro si trasforma quindi nel luogo dove affrontare temi attuali fino a ieri sconosciuti, prepotentemente tornati alla ribalta, tentando di squarciare il velo dell’ipocrisia che ci circonda, descrivendo la storia di un uomo normale, alle prese con una vita nuova, che fa i conti con se stesso e con una umanità che sembra chiedergli ogni giorno, ogni missione che fa, ogni bambino che incontra di essere raccontata per ciò che è realmente, senza filtri ne censure.

(in copertina e pezzo foto ® UNICEF Giordania e Iraq DeBenedetti)

TAG: Unicef