Sentenza Aquila Grandi Rischi
|

L’Aquila, sentenza Cassazione Grandi Rischi: tutti assolti gli scienziati

SENTENZA AQUILA GRANDI RISCHI

: tutti assolti gli scienziati della Commissione. Oggi la quarta sezione penale della Corte suprema – presieduta da Fausto Izzo – si è pronunciata nell’ultimo grado di giudizio in merito alla Commissione Grandi Rischi. Nel processo si è ripercorso la oramai famigerata riunione del 31 marzo 2009, a pochi giorni dal devastante terremoto del 6 aprile, quella che rassicurò i cittadini abruzzesi allertati dal continuo sciame sismico in città. Il procuratore generale di Cassazione Maria Giuseppina Fodaroni, durante l’udienza, ha ritenuto adeguata la sentenza d’Appello. Confermata dalla Cassazione la condanna a due anni di reclusione per Bernardo De Bernardinis, ex vice capo della Protezione Civile. Quella di De Bernardinis è l’unica condanna inflitta nell’ambito del processo alla Commissione Grandi Rischi. Con la sentenza di questa sera, diventano definitive le assoluzioni per Franco Barberi, presidente vicario della Commissione Grandi Rischi, Enzo Boschi, presidente dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Giulio Selvaggi, direttore del Centro Nazionale Terremoti, Gian Michele Calvi, direttore di Eucentre e responsabile del progetto C.a.s.e., Claudio Eva, ordinario di fisica all’università di Genova e Mauro Dolce, direttore dell’Ufficio Rischio sismico di Protezione Civile.

sentenza aquila grandi rischi
(foto ANSA/UFFICIO STAMPA VIGILI DEL FUOCO)

SENTENZA AQUILA GRANDI RISCHI: QUELLO CHE E’ SUCCESSO IN CASSAZIONE

– Durante la seduta al Palazzaccio il pg Fodaroni non solo ha ritenuto adeguato l’Appello ma ha anche parlato che non si trattò di una riunione della Commissione perché vi fu una convocazione irrituale e la presenza di soli quattro esperti. Fodaroni ha chiesto il rigetto di tutti ricorsi legati agli assolti e l’annullamento e rinvio per De Bernardinis.

SENTENZA AQUILA GRANDI RISCHI: TUTTO QUELLO CHE SI SA SULLA SENTENZA D’APPELLO E IL RICORSO

– La Procura generale dell’Aquila, e le parti civili, hanno presentato ricorso in Cassazione dopo la sentenza d’appello del 10 novembre 2014 che diede la piena assoluzione di 6 dei 7 membri della Commissione, condannati in primo grado a 6 anni per omicidio colposo e lesioni.
L’unica condanna che è stata confermata in appello è stata quella di Bernardo de Bernardinis, già vicecapo del settore tecnico del Dipartimento di Protezione civile, ridotta a due anni, per via del «nesso di causalità» tra le sue dichiarazioni e la morte di alcune delle vittime del sisma. «Più scosse ci sono, meglio è, significa che sta rilasciando energia», disse De Bernardinis in una intervista che fu diffusa poi alla cittadinanza. I restanti imputati furono assolti perché il fatto non sussiste. «Con riguardo ai primi – recita il dispositivo – infatti, ritiene la Corte che la pur imponente istruttoria dibattimentale non abbia consentito di raggiungere un sicuro convincimento di responsabilità in ordine alla stessa sussistenza del fatto contestato, trattandosi di condotta esente da colpa con riferimento alla ‘valutazione’ e comunque inidonea ad integrare l’antecedente causale degli eventi, insussistente con riferimento alla ‘informazione’».

LEGGI ANCHE: Terremoto L’Aquila, la sentenza: tutti colpevoli

SENTENZA AQUILA GRANDI RISCHI: IL PRIMO GRADO

– Il 22 ottobre 2012, in primo grado, erano stati inflitti sei anni di reclusione per tutti gli imputati. La tesi dell’accusa è chiara. Per molto tempo, a proposito di questo processo, si è parlato della Commissione accusata “di non aver previsto il terremoto”, cosa falsa. In realtà il processo il processo in primo grado era incentrato su un’accusa completamente diversa. Secondo i sostituti procuratore Roberta D’Avolio e Fabio Picuti, la commissione Grandi Rischi in realtà non ha esaminato i rischi possibili che ci sarebbero stati nel caso di future scosse. Nonostante avessero documenti ad hoc per verificare. Nella lunga requisitoria dei pm sono stati indicati studi e analisi firmati da alcuni membri della commissione grandi rischi realizzati negli anni precedenti. «Sono state fornite dopo la riunione» si leggeva nel capo di imputazione «informazioni imprecise, incomplete e contraddittorie sulla pericolosità dell’attività sismica vanificando le attività di tutela della popolazione». Secondo i pm gli imputati erano «venuti meno ai doveri di valutazione del rischio connessi alla loro funzione» anche sotto il profilo dell’informazione. Queste notizie rassicuranti «hanno indotto le vittime a restare nelle case». Qui tutti i documenti e dichiarazioni utilizzate durante il processo di primo grado.

SENTENZA AQUILA GRANDI RISCHI: IL FLASH MOB DELLE FAMIGLIE DELLE VITTIME

– Oggi si è tenuta un’udienza camerale nella quale sono state ascoltate le parti. Ad attendere l’esito in Cassazione, in Piazza Cavour, i parenti delle vittime oltre a comitati riuniti con l’associazione Ilaria Rambaldi Onlus, presieduta dall’avvocato Maria Grazia Piccinini, mamma di Ilaria Rambaldi, una delle vittime. I familiari delle vittime hanno fatto un flash mob in silenzio, lo stesso che, il 6 aprile 2009, causò «la morte di centinaia di vittime».

(in copertina foto ANSA/CLAUDIO LATTANZIO)