Nivea fa causa al marchio cruelty free Neve: non l’avesse mai fatto

di Stefania Carboni | 17/09/2015

Nivea trascina in aula la Neve Cosmetics. La colpa del marchio di cosmetici cruelty free? Fa confondere i consumatori con una parola troppo simile. Non solo: con questa accusa il colosso multinazionale ha vinto il primo grado di giudizio. Il Tribunale di Milano, con sentenza n.9103/2015, ha infatti dichiarato la nullità dei marchi Neve e Neve Make Up della società Neve Cosmetics, esprimendosi a favore di Beiersdorf. Secondo il giudice il termine “Neve” non può essere utilizzato da altri concorrenti sul mercato dei prodotti per la cura della persona.

LEGGI ANCHE: I commenti su Youtube prima e dopo il trucco

NIVEA FA CAUSA A NEVE: LA CAMPAGNA SOCIAL

– Sulla pagina Facebook la Neve Cosmetics spiega la situazione: «Per chi ce lo sta chiedendo la causa intentata dalla multinazionale tedesca ha lasciato a bocca aperta noi per primi. Siamo certi di non aver nulla in comune con il colosso internazionale e ciò che rappresenta. Come sapete siamo un’azienda piccola, giovane e di indole assolutamente pacifica. Abbiamo affrontato questa causa con l’impegno, l’onestà e la limpidezza che ci contraddistinguono. Continueremo a combattere. Si tratta solo del primo grado di giudizio, è ovviamente nostra intenzione presentare ricorso in appello, forti della nostra buona fede e pronti a difendere i nostri diritti e quelli della nostra clientela. Avere il vostro appoggio in questo ambito ci regala ancora più determinazione, grazie di cuore per il supporto».

nivea neve

Poche ore dopo la sentenza del tribunale però il popolo della rete non si è arreso. Sui social è partita la campagna #iostoconNeve: con commenti dei consumatori su Twitter e sulla pagina Fb del colosso.

guarda la gallery:

Commenti rimossi?

nivea neve

NIVEA FA CAUSA A NEVE: LA SENTENZA

Come ha fanno due aziende (con grafiche differenti e produzioni differenti) ad esser simili? Una spiegazione utile a far luce sul ragionamento dei giudici la fornisce il comunicato dei legali Trevisan & Cuonzo che hanno assistito la multinazionale. «La sentenza afferma il principio della confondibilità concettuale o etimologica tra marchi. Secondo il Tribunale Neve è confondibile con Nivea® in quanto quest’ultima deriva etimologicamente dal latino niveus/nivea/niveum ossia “bianco come la neve”». Tutta colpa del latino insomma. Anche se restano ancora due gradi di giudizio.