Mafia Capitale, Buzzi chiede nuovo patteggiamento: 3 anni e 9 mesi

di Redazione | 02/09/2015

Mafia Capitale

Buzzi ha chiesto di patteggiare una pena di tre anni e nove mesi di reclusione, oltre al pagamento di una multa di mille euro. Il presidente della cooperativa 29 Giugno, considerato il braccio imprenditoriale di Mafia Capitale, è finito a processo – con altri 59 imputati – per giudizio immediato, con le accuse di associazione a delinquere di stampo mafioso e altri reati.

MAFIA CAPITALE BUZZI CHIEDE DI PATTEGGIARE TRE ANNI E NOVE MESI –

La richiesta di Buzzi esclude però l’aggravante del metodo mafioso, ritenuta insussistente dal legale del “ras delle cooperative”. La richiesta è stata quindi formulata in base ai reati di associazione a delinquere semplice, corruzione, turbativa d’asta e intestazione fittizia di beni.

Lo stesso Buzzi Inoltre, lo stesso presidente della Cooperativa 29 Giugno ha chiesto la revoca della custodia cautelare in carcere.

La Procura ha però già bocciato una richiesta di patteggiamento di Buzzi molto simile a quella presentata oggi: tre anni e sei mesi.

MAFIA CAPITALE BUZZI E LA NUOVA RICHIESTA. ACCOGLIMENTO COMPLICATO –

Difficile aspettarsi che la Procura cambi parere, rispetto a quello dato a metà giugno, negativo per Buzzi. Da allora in diversi interrogatori Buzzi ha attaccato diversi politici, tanto che a piazzale Clodio sono arrivate denunce per calunnia e diffamazione da parte dei soggetti citati.