Palagonia, due migranti insultati, picchiati e rapinati per strada

di Redazione | 02/09/2015

palagonia

Dopo l’omicidio dei due coniugi a Palagonia è caccia allo straniero a due passi dal Cara di Mineo. Due ospiti del centro d’accoglienza sono stati insultati, picchiati e rapinati nell’arco di pochi euro. Racconta il Corriere:

La caccia al nero è partita ufficialmente. Dei giovani italiani, in auto, armati di pistola, hanno fermato ieri sulla statale che passa per Mineo due migranti del Gambia in bicicletta. Due ospiti del Cara, com’era anche Mamadou Kamara prima del massacro di Palagonia. Li hanno fermati, picchiati, insultati con frasi razziste e rapinati di un cellulare e qualche soldo. Uno dei due africani è riuscito a fuggire, l’altro no ed è finito in ospedale a Caltagirone. Tre ragazzi, sospettati dell’aggressione, sono stati bloccati in serata dai carabinieri di Palagonia, diretti dal maggiore Felice Pagliara. La tensione in paese sta crescendo, alimentata sicuramente dalle polemiche politiche di questi giorni. Il vicepresidente del Senato, il leghista Roberto Calderoli, ha invitato tutti su Facebook «a una riflessione sul tema della pena di morte da applicare». Forza nuova ieri sera presidiava la camera ardente dei due pensionati uccisi sabato notte. Soffiare sul fuoco è sempre pericoloso.

LEGGI ANCHE: Coniugi uccisi a Palagonia, la donna potrebbe essere stata violentata

Palagonia

 

(In copertina foto di ANSA/ DOMENICO TROVATO)