L’Islanda vuole più migranti siriani. «Sono i nostri futuri migliori amici»

di Maghdi Abo Abia | 01/09/2015

Islanda

L’Islanda apre le sue porte agli immigrati siriani. Migliaia di residenti hanno chiesto al Governo di aprire i propri confini ai rifugiati con alcuni che si sono offerti di ospitarli nelle loro case insegnando loro l’islandese. Al momento il Paese, forte di 300.000 abitanti, ha una soglia di soli 50 migranti.

Islanda
(Photo by Matt Cardy/Getty Images)

ISLANDA, 12.000 PERSONE CHIEDONO PIU’ MIGRANTI

Secondo quanto ripreso dal Guardian il professor Bryndis Bjorgvinsdottir ha chiesto su Facebook ai propri compaesani di chiedere al Governo di fare qualcosa di più per i profughi siriani. Più di 12.000 persone, un numero ragguardevole se confrontato con la popolazione dell’isola, ha accolto l’invito firmando una lettera aperta al ministro del welfare, Eygló Harðar. Bryndis Bjorgvinsdottir, intervistato dalla rete televisiva islandese RUV, ha spiegato che la sua proposta è nata a seguito delle notizie tragiche riportate dai giornali. «Penso che le persone ne abbiano abbastanza di notizie provenienti dal Mediterraneo e che sia arrivato il momento di fare qualcosa».

 

LEGGI ANCHE: Islanda, proteste per la rinuncia all’ingresso nell’Unione Europea

 

ISLANDA: «I RIFUGIATI SONO I NOSTRI PROSSIMI MIGLIORI AMICI» –

«I rifugiati -ha aggiunto il Professore- sono risorse, hanno esperienze e capacità. I rifugiati saranno i nostri sposi, i nostri migliori amici, le nostre anime gemelle, i batteristi della band dei nostri figli, i nostri futuri colleghi, miss Islanda 2022, il carpentiere che ci sistemerà il bagno, il barista, il pompiere, l’informatico, l’ospite televisivo». Molti dei firmatari dell’appello sul gruppo Facebook Syria is Calling hanno deciso di aprire le porte di casa loro nella speranza di aiutarli a vivere una vita piena di soddisfazioni e di successi, insegnando loro allo stesso tempo lo stile di vita islandese.

ISLANDA, L’APERTURA DEL GOVERNO –

Il primo ministro islandese, Sigmundur Davíð Gunnlaugsson, ha detto di essere a conoscenza della pressione dell’opinione pubblica riguardo ai rifugiati, promettendo che ne parlerà nel prossimo consiglio dei Ministri. In questa occasione proporrà l’istituzione di una speciale commissione che studi il problema e che valuti il modo migliore per aiutare i migranti siriani.

(Photocredit copertina Photo by Matt Cardy/Getty Images)