Grecia, si dimette il segretario di Syriza

di Redazione | 25/08/2015

Grecia, si dimette Tasos Koronakis, il segretario di Syriza; esponente di spicco del partito di Alexis Tsipras, Koronakis aveva più volte visitato anche l’Italia. In totale dissenso con la linea del partito che si prepara ad un congresso straordinario nel weekend, Koronakis invia una lettera aperta con la quale rimette il mandato; il Synaspismos Rizospastikis Aristeras continua a perdere pezzi dopo la fuoriuscita dell’opposizione interna di Piattaforma di Sinistra, che ha fondato il nuovo movimento Unità Popolare. 

GRECIA, SI DIMETTE IL SEGRETARIO DI SYRIZA

Nella sua lettera, Koronakis – riporta dalla Grecia To Vima – ne ha sia per il partito e per la linea di Alexis Tsipras, che per i fuoriusciti di sinistra.

Nella sua lettera di dimissioni Koronakis spiega la sua distanza dalle recenti decisioni, che, a suo dire, stanno danneggiando il partito. Koronakis ammette che la strategia negoziale del partito ha fallito e critica la decisione di andare ad elezioni anticipate senza aver precedentemente discusso all’interno del partito ed ignorando le decisioni del Comitato Centrale. Koronakis è anche estremamente critico di Panagiotis Lafazanis e della Piattaforma di Sinistra che hanno fondato Unione Popolare, sostenendo che “sembravano preparati per questo esito, spesso con comportamenti inadatti al nostro partito, in ultima analisi tendenti alla rottura.

LEGGI ANCHE: Grecia, Syriza: tutte le spaccature del partito

Il segretario di Syriza si pone dunque come terza posizione fra la continuità con Alexis Tsipras e la scissione a sinistra; è ipotizzabile che Syriza si spacchi, addirittura, in tre. Il tutto alla vigilia del congresso straordinario di Syriza, questo weekend, invitati membri del comitato centrale, rappresentanti locali e parlamentari del partito; ci saranno Zoi Konstantopoulou, presidentessa del Parlamento, e Yanis Varoufakis, ex ministro delle Finanze nel governo Tsipras; entrambi hanno da tempo preso le distanze dal Primo ministro.

 

TAG: Grecia, SYRIZA