Giubileo 2015, Guido Improta: “Rispetto Papa Francesco, ma me lo sarei risparmiato”

di Tommaso Caldarelli | 29/05/2015

giubileo 2015 guido improta roma papa francesco

Giubileo 2015, Guido Improta: “Rispetto Papa Francesco, ma l’Anno Santo della Misericordia a Roma me lo sarei risparmiato”. Fra l’ironico e l’autenticamente in difficoltà, l’assessore alla Mobilità di Roma Capitale parla intervenendo ad un convegno presso la Casa dell’Architettura, e spiega che sinceramente, del dover gestire uno dei più grandi eventi della cristianità in condizioni difficili e problematiche per la città, avrebbe fatto a meno.

LEGGI ANCHE: Giubileo 2015, il trasporto pubblico di Roma è un disastro

GIUBILEO 2015, GUIDO IMPROTA: “GRAZIE PAPA FRANCESCO, MA L’ANNO SANTO ME LO SAREI RISPARMIATO”

Si aprirà l’8 dicembre prossimo la Porta Santa di San Pietro in Vaticano, con l’inizio delle celebrazioni del Giubileo 2015. L’assessore ammette, riportato da Repubblica nella Cronaca di Roma, che far trovare pronta la città sarà un problema di un certo peso.

Con molto rispetto per Papa Francesco, sommessamente dico che mi sarei evitato il Giubileo. Quando sei debilitato e non hai una forma fisica smagliante, non cerchi una performance straordinaria, ma di fare riabilitazione. Ecco, io sto cercando di fare una riabilitazione dei trasporti in questa città e ritrovarmi iscritto a un campionato mondiale magari qualche problema lo porta. Il Giubileo non sarà però un alibi per allontanarci dai problemi legati alla quotidianità, ma può essere un acceleratore se ci daranno deroghe normative e i finanziamenti per conseguire gli obiettivi fissati nel Pgtu