Regionali 2015, per fare lo scrutatore (forse) hai ancora una possibilità

di Redazione | 26/05/2015

elezioni regionali 2015 risultati dello scrutinio in diretta

Come spiegano le istruzioni del Ministro dell’Interno per le operazioni nelle sezioni elettorali, gli scrutatori che avranno il compito di autenticare le schede, registrare gli elettori al voto ed effettuare lo spoglio delle schede, vengono nominati dalla Commissione elettorale di ogni Comune tra il 25esimo e il 20esimo giorno prima del voto. Uomini e donne chiamati al lavoro per le prossime Elezioni Regionali e Amministrative sono, dunque, già stati convocati. Eppure non si sono esaurite le possibilità per gli esclusi di entrare a far parte del seggio.

 

LEGGI ANCHE: Elezioni Regionali, sul web ritornano i sondaggi ‘clandestini’. Ed è boom Cinquestelle in Liguria

 

SCRUTATORI, LA SOSTITUZIONE –

Talvolta, infatti, alcuni degli scrutatori nominati non si presentano alla sezione ed il presidente è costretto, di conseguenza, a provvedere ad una sostituzione. Le istruzioni del Viminale spiegano che, nel caso in cui non si presentino tutti o alcuni degli scrutatori, il presidente deve riempire la casella vacante chiamando alternativamente il più anziano e il più giovane tra gli elettori presenti. Ciò significa, in sostanza, che è possibile rimediare alla mancata nomina con una piccola dose di fortuna. Semplicemente provando a presentarsi sabato in una scuola adibita a seggio elettorale, provando a farsi scegliere come scrutatore “offrendosi” ad uno dei presidenti.

SCRUTATORE, I REQUISITI –

Sono solo tre i requisiti richiesti per svolgere il ruolo di scrutatore. Primo: saper leggere e scrivere. Secondo: non essere rappresentanti di lista. Terzo: non appartenere ad una delle categorie escluse dalle funzioni di componente del seggio (gli ultrasettantenni; i dipendenti dei Ministeri dell’Interno, delle Poste e Telecomunicazioni e dei Trasporti; gli appartenenti a Forze armate in servizio; i medici provinciali, ufficiali sanitari e medici condotti; i segretari comunali ed i dipendenti dei Comuni, addetti o comandati a prestare servizio presso gli Uffici elettorali comunali; e, infine, i candidati alle elezioni per le quali si svolge la votazione).

(Foto: Ansa)