La pacata reazione di Vittorio Sgarbi all’invasione dei gattini sulla sua pagina Fb

di Stefania Carboni | 21/05/2015

Dopo Matteo Salvini e Beppe Grillo i gattini hanno invaso la bacheca Facebook di Vittorio Sgarbi. Lui non l’ha presa bene. I mici (a volte travestiti da capra) sono vounque sotto i suoi post social. Ecco la reazione “pacata” di Sgarbi:

Frotte di grillini segaioli dediti, notoriamente, al più vacuo cazzeggio, da alcuni giorni ammorbano i miei post con foto di gatti e felini vari. C’è qualcosa di patologico in quello che fanno. Passare le proprie giornate davanti a un pc a insultare il «nemico» di turno rivela solo molta frustrazione, perché evidentemente non si ha qualcosa di meglio da fare.
Facebook e Twitter sono uno strumento di comunicazione formidabile se usati per informare e informarsi. Un conto è la provocazione, altra cosa questa attività di vero e proprio stalking informatico.
Piuttosto, aprite un volume e leggete. Anche se fosse solo l’elenco telefonico…

vittorio sgarbi gattini

LEGGI ANCHE: Vittorio Sgarbi litiga col figlio al Maurizio Costanzo Show e lascia lo studio

Nelle scorse ore c’è stata un’altra operazione del progetto Kitten. I gattini – in versione artistica – hanno invaso il wall del noto critico d’arte. Ora però l’attacco dei Katmobbers dovrebbe esser finito.

vittorio sgarbi gattini progetto

Abbiamo raccolto gli “attacchi” migliori. Chi sarà il prossimo obiettivo dei gattini social?