Claudio Lotito
|

Claudio Lotito: «Schiattano d’invidia quando vedono quello che ho fatto»

Claudio Lotito è l’assoluto protagonista del calcio italiano. Non solo e non tanto di quello giocato, ma di quello parlato, sussurrato, politicizzato, chiacchierato. Sul Corriere della Sera di oggi in edicola c’è un’imperdibile intervista di Fabrizio Roncone al presidente della Lazio.

LEGGI ANCHE > DIRTY SOCCER: 50 ARRESTI

Già l’attacco vale il prezzo del quotidiano:

(Ore 16,57. Il presidente Claudio Lotito risponde al telefonino dal suo magnifico quartier generale: Villa San Sebastiano, il muro di cinta che costeggia l’Appia Antica, capitelli e statue, putti d’oro e pappagalli che cantano) .
«Io non so niente, non voglio sapere niente e non rilascio interviste!».
Va bene.
«Mhmm… Ma perché, che è successo?».
Calcioscommesse in Lega Pro e serie D: 30 squadre coinvolte, 50 arresti, gli indagati sono 70.
«Incredibile…».

Lotito, apparentemente non sa nulla:

C’è pure un’intercettazione che la riguarda, presidente.
«Cosaaaaa?».
(…)
Testuale: «Macalli e Tavecchio sono due rincoglioniti in mano a Lotito, che li ricatta». E poi: «Lotito è proprietario di Lazio, Salernitana, Bari e Brescia».
«Basta! Basta! Bastaaaaa! Che deve fare Lotito, eh? Deve sparire, puff! deve annientarsi, vaporizzare? Perché mi tirano sempre in mezzo a qualche schifezza, perché? Lei non scriva niente, niente di niente… Però, oh, io sono proprio stufo… Cioè, no, dico: io Brescia non so manco ndo’ stà, capito? Dove sta Brescia? Boh. Ce so’ mai stato a Brescia? No, mai messo piede a Brescia. Ma poi, in una telefonata tra due sconosciuti, divento il presidente del Brescia! È pura follia, questa!».
Brescia e Bari.

Un rumors, quello della proprietà del Bari che va avanti da qualche tempo nel mondo del calcio, in realtà. Secondo il presidente della Lazio nei suo confronti ci sarebbe un vero e proprio accanimento, che nasce per un motivo ben preciso: «Lotito da fastidio» dice si se stesso il consigliere federale. E, parlando in terza persona, spiega:

«Perché con Lotito il risultato è ga-ran-ti-to! Schiattano d’invidia quando vedono quello che ho fatto con la Lazio e la Salernitana, due veri capolavori… E non riescono a capacitarsi che tutti gli incarichi che ho nelle istituzioni del calcio italiano non li ho estorti… ma sono stato eletto democraticamente».
Ecco, appunto: poi ci sarebbe anche quell’altra frase…
«Quale?».
Che lei ricatterebbe Macalli e Tavecchio.
«No no, guardi: è stato gentile a telefonarmi, però lei adesso sa che fa? Lei li chiama e glielo chiede: vi ricatta Lotito? È vero che vi ricatta? Ecco, aspetti, le do io i numeri di telefono… Anzi, no, meglio: li chiamo direttamente io…» (Lotito, come noto, possiede tre cellulari: e sa usarli contemporaneamente) .

Lotito veramente prova a chiamarli…

«Niente, Carletto non risponde… Proviamo con Macalli…».
(Mario Macalli, presidente della Lega Pro, risponde subito.
«Mariuccio! Nun te mette a ride… allora, ho sull’altro telefono uno del Corriere… e sai che dice? Dice che due sconosciuti, intercettati, sostengono che io ti ricatto! Capito? Io ti ricatto! Ricatto te e pure Carletto! (…)

Te senti ricattato, Mariù? Mamma mia che ambiente… Hai ragione, bisogna derattizzare…. vabbè, Mariù, fatti salutare adesso, ché devo lavorare…») .

VEDI > Rassegna stampa Periscope, le prime pagine di mercoledì 20 maggio

Lotito è ricercatissimo. Roncone scrive:

(Gli squilla uno dei due cellulari: adesso abbassa la voce. Telefonata brevissima).
«Sa chi era? Era il giornalista di un’agenzia! Mi vorrebbero mettere in mezzo pure con la vicenda tra Murdoch e Berlusconi… m’accusano di averli fatti parlare… Embè? Facessero tutti gli accostamenti che vogliono… io sono una persona che ha un solo scopo: mo-ra-li-zza-re il calcio.

Nel finale dell’intervista di Roncone, Lotito si supera, come spesso gli accade…

«(… )però questa non è un’intervista, eh? Se lei scrive mezza riga, giuro che io poi smentisco… Ma che ha registrato? Guardi che la registrazione mica è valida…».