marco baldini
|

Marco Baldini si racconta a La Zanzara: «Ho provato ad ammazzarmi ma mi ha salvato un barbone»

«Al suicidio ci ho pensato tante volte, mi è mancato il coraggio. Tranne una volta, ve la racconto. E’ una cosa vera, non è una minchiata alla Baldini» inizia così la drammatica storia di Marco Baldini, partner storico di Fiorello, ai microfoni di Giuseppe Cruciani e David Parenzo.

LA STORIA – «Circa un anno fa mi era partita la brocca, volevo farla finita. Trovo un posto isolato fuori da Roma dove nella mia testa mi dovevano trovare dopo tanto tempo, non subito. Ho preso un tubo perché nei manuali su Internet mi ero informato sul modo meno cruento per ammazzarsi. E sembrava che fosse quello del tubo collegato allo scappamento della macchina. Mentre sono lì e sto chiudendo il finestrino col nastro isolante, ero molto distante dai centri abitati, mi sono sentito arrivare due cartoni in faccia da dietro, ho ancora le foto con la faccia segnata. Era un barbone che mi voleva rapinare, è stato un pirla perché se avesse aspettato un quarto d’ora poteva tranquillamente rapinare un morto». «E poi?» Incalzano i conduttori. «Mi ha salvato il barbone. Mi sono alzato, gli ho tirato anch’io due cazzotti e mi dispiace, vorrei chiedergli scusa perché mi ha salvato la vita. Lui è inciampato ed è caduto in un fosso. Io sono partito subito con la macchina col tubo di scappamento ancora attaccato. Se non ci fosse stato il barbone non sarei qui».

LEGGI ANCHE: STASERA TV – Programmi di oggi 7 maggio

I MOTIVI – «Sono in uno stato di indigenza totale. Non ho soldi. Un giorno campo con due euro, un altro giorno con cinque. Qualche volta con venti se faccio un lavoro. Mi invitano a fare l’inaugurazione del bar o del negozio, ma prendo venti volte in meno rispetto a dieci anni fa. Poi devi dare l’idea di essere la persona di sempre, un vincente del mondo dello spettacolo. Ma coi problemi che ho…». Baldini è un fiume in piena e continua «Sono sotto lo zero – dice – sto una merda, non riesco a campare. Spesso tengo gli stessi vestiti addosso perché non ho i soldi della lavanderia». I debiti dello showman ammontano a poco più di mezzo milione di euro. Non debiti di gioco, dice lui, che ormai ha perso la credibilità dell’opinione pubblica.

LEGGI ANCHE: Ascolti tv di mercoledì 6 maggio 2015 | Barcellona-Bayern sbanca l’auditel

LE PREOCCUPAZIONI – «E pensare – continua Baldini – che una volta guadagnavo mezzo milione di lire in meno di un mese, nel ’93 ero uno degli uomini più ricchi di Milano. Guadagnavo tra radio, serate e sponsor due miliardi all’anno». «Per chi ha pagato, quasi pagato, 5 milioni di debiti in 11 anni 500mila euro non è una grande cifra. Ho debiti con gente ricca, benestante, che non mi chiede i soldi indietro. Il problema sono i piccoli debiti con quelle persone disperate che mi assillano in modo inumano con 200 telefonate al giorno perché gli devo in tutto 30mila euro. Non li ho e loro sono disperati per il mutuo, per la famiglia, sono fuori di testa. Ho paura per loro, che qualcuno faccia un gesto insano, che si butti dalla finestra».

MARCO BALDINI: E FIORELLO? –

«Che vi devo dire. Mesi fa, quando gli ho detto di essere in difficoltà siccome ho gridato tante volte al lupo anche lui non mi ha creduto. E’ umano. Si è spaventato, anche se una volta mi ha detto che se venivano delle persone le avremmo affrontate insieme. Ma non mi ha creduto, come tutti gli altri. Fiore non mi ha mai dato un euro, anche se mi ha fatto lavorare tanto».