Striscia la Notizia contro Masterchef: il faccia a faccia tra Max Laudadio e Stefano Callegaro

di Redazione | 30/04/2015

Striscia la Notizia contro Masterchef: il faccia a faccia tra Max Laudadio e Stefano Callegaro

Striscia la Notizia contro Masterchef, l’incontro è avvenuto. L’inviato del tg satirico Max Laudadio ha incontrato Stefano Callegaro, il vincitore della quarta edizione del talent show culinario, mentre quest’ultimo era impegnato a Bassano del Grappa, in provincia di Vicenza, nella presentazione del suo libro.

Striscia la Notizia contro Masterchef: il faccia a faccia tra Max Laudadio e Stefano Callegaro

IL BOTTA E RISPOSTA TRA MAX LAUDADIO E STEFANO CALLEGARO –

Nel corso del faccia a faccia Laudadio ha chiesto conto a Callegaro, intercettandolo sul palco, del mancato confronto con i suoi ex colleghi: «Noi abbiamo intervistato sedici chef promoter che hanno lavorato insieme a lei e tutti dichiarano che lei ha fatto il dimostratore a tutti gli effetti, che cucinava, e lei, invece, nega questa cosa. Ora, o sono bugiardi loro, o è bugiardo lei. Ma perché non ha accettato l’incontro con loro per chiarire tutto?». Callegaro ha risposto così: «Mi perdoni Max, e se io non volessi spiegargliela? Posso permettermi che forse non la voglio spiegare a lei? Io in quell’azienda facevo il venditore, e nel fare il venditore ho dimostrato come vendere un prodotto».

 

LEGGI ANCHE: Striscia la Notizia contro Masterchef: Stefano Callegaro rifiuta l’incontro con gli ex-colleghi promoter

 

IL PASSATO DI STEFANO CALLEGARO E IL REGOLAMENTO DI MASTERCHEF –

Striscia la Notizia contesta però la versione di Callegaro, spiegando come al momento della consegna a questi del Tapiro d’Oro lui avesse detto che si occupava, per la stessa azienda, di ricerca e sviluppo. Il tg satirico insiste nel ricordare che «sedici chef promoter hanno dichiarato che Stefano faceva il loro stesso mestiere, ovvero preparava delle pietanze nelle cucine dei ristoranti. Ma questo, Stefano, che ancora una volta ha scelto la via della fuga, non l’ha dichiarato quando si è iscritto a Masterchef, nonostante il regolamento vieti la partecipazione, tra gli altri, a chi ha lavorato per più di sei mesi in cucine di ricerca o ha eseguito test per aziende del settore alimentare».