Luciano Fontana: chi è il nuovo direttore del Corriere della Sera

di Redazione | 30/04/2015

luciano-fontana-direttore-corriere-sera

Luciano Fontana è il nuovo direttore del Corriere della Sera, battendo così Mario Orfeo, che era dato in pole position come il nuovo successore di Ferruccio de Bortoli. Dopo le voci arrivate nel primo pomeriggio da fonti finanziarie, che vedevano Fontana designato come successore di De Bortoli dal Consiglio di amministrazione di Rcs Mediagroup, riunitosi oggi a Milano, arriva la conferma da parte dello stesso Luciano Fontana: il giornalista, intercettato dai cronisti fuori dalla sede di Rcs a Crescenzago, ha detto di essere «molto emozionato», ma non ha rilasciato ulteriori dichiarazioni: «Prima parlo con la redazione» – ha detto, avviandosi verso la sede del quotidiano in via Solferino.  Ora manca solo l’ufficialità da parte di Rcs.

LEGGI ANCHE FESTA DEL LAVORO DEL PRIMO MAGGIO

LEGGI ANCHE: Ferruccio De Bortoli lascia il Corriere e ‘saluta’ Renzi: «Maleducato di talento»

 

LUCIANO FONTANA, CHI È –

Luciano Fontana è stato dal 2009 fino ad oggi il codirettore attuale del Corriere della Sera, quindi la scelta del board di Rcs sarebbe in continuità con l’era de Bortoli, che ha guidato il quotidiano dal ’97 al 2003 e dal 2009 ad oggi. nato a Frosinone 56 anni anni fa, laureato in filosofia alla Sapienza, Fontana vanta una lunga carriera che lo ha visto impegnato anche all’Unità, per 11 anni, dall’86 al ’97. Al giornale fondato da Gramsci ha scritto di cronaca nera, di cronaca amministrativa, di politica italiana ed ha guidato per anni il desk centrale. Fontana era finito nella rosa dei candidati alla successione di Ferruccio de Bortoli insieme a Orfeo e Mario Calabresi, direttore de La Stampa, che ha poi detto no all’ipotesi.

LUCIANO FONTANA, A VIA SOLFERINO DAL ’97 –

La carriera giornalistica di Fontana comincia nell’82 come corrispondente dell’Ansa. Nell’86 viene poi assunto come praticante all’Unità diretta da Emanuele Macaluso. A Milano arriva il primo febbraio ’97, dove lavora all’ufficio centrale sostituendo Alessandro Sallusti. Nel 2000 diventa capo dell’ufficio centrale e nel 2003 viene nominato vicedirettore di Stefano Folli. Mantiene ancora il ruolo di vice con l’arrivo di Paolo Mieli. nel corso della sua permanenza al Corriere è stato anche impegnato nello sviluppo del sito internet.

(Photocredit copertina:  ANSA/ DANIEL DAL ZENNARO