|

25 aprile: la Festa della Liberazione e il #coraggiodi ricominciare

Il 25 aprile si celebra il settantesimo anniversario della Liberazione d’Italia. Per quest’anno, per ricordare la Resistenza e la guerra di Liberazione dal regime nazifascista, ci sono diversi eventi in tutta Italia. Il tema è il coraggio, anzi il #coraggiodi come recita l’hashtag ufficiale dell’account ufficiale @ilsettantesimo.

25 aprile
25 Aprile: anziana ringrazia soldato statunitense (Foto di Three Lions/Getty Images)

25 APRILE IL RICORDO

– Perché il 25 aprile è festa nazionale? Il 25 aprile 1945 fu il giorno in cui, alle 8 del mattino via radio, il Comitato di Liberazione Nazionale Alta Italia proclamò l’insurrezione in tutti i territori ancora occupati dai nazifascisti, indicando a tutte le forze partigiane attive nel Nord Italia di attaccare i presidi fascisti e tedeschi. Il CLNAI emanò dei decreti legislativi prendendo il potere «in nome del popolo italiano e quale delegato del Governo Italiano», stabilendo così la condanna a morte per tutti i gerarchi fascisti (Mussolini incluso la cui fucilazione avvenne tre giorni dopo). Le parole d’ordine dei partigiani in quei giorni verso il nazifascismo furono una sola frase: «Arrendersi o perire».
Entro il primo maggio gran parte del nord Italia fu liberato: Bologna (il 21 aprile), Genova (il 23 aprile) e Venezia (il 28 aprile). La Liberazione è quindi il simbolo della fine dei venti anni di dittatura fascista e l’inizio del lungo percorso di costruzione della democrazia nel nostro Paese.
La fine effettiva della guerra sul territorio italiano, con la resa davanti alle azioni delle forze alleate, avvenne il 3 maggio, come stabilisce la cosiddetta resa di Caserta firmata il 29 aprile 1945.

 

25 APRILE EVENTI

– Per il 25 Aprile ci sono diverse cerimonie istituzionali, attività didattico-formative, mostre e spettacoli, iniziative a carattere permanente. A Roma la sera del 24 aprile in piazza Vittorio si terrà la “Milonga della Liberazione”, una festa all’insegna del tango con un collegamento con Radio popolare a Mezzanotte dove il trombettista Paolo Fresu suonerà Bella ciao. La mattina del 25 aprile si svolgerà la manifestazione dell’Anpi un corteo che partirà alle 10,30 da piazza di Porta San Paolo. In Piazza del Campidoglio, alle 17 sarà presente il sindaco Marino con una serie di eventi per la Liberazione e la distribuzione di una opera sulla Resistenza di Roma fatta dalla Scuola Romana del Fumetto. La Casa del Cinema propone una giornata di proiezioni mentre il carcere di Regina Coeli apre le porte del suo teatro con lo spettacolo sulle Fosse Ardeatine: Tante facce nella memoria. A Milano il 24 aprile sarà inaugurata la Casa della Memoria, in via Confalonieri e si ballerà nel Castello Sforzesco. A mezzogiorno al Piccolo Teatro di via Rovello ci sarà il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, mentre il corteo tradizionale avrà luogo nel primo pomeriggio da corso Venezia. Per maggiori informazioni Palazzo Chigi ha dedicato un sito apposito: liberazione70.it.

LEGGI ANCHE: Mattarella: «Il 25 aprile patrimonio di tutto il Paese»

25 APRILE E IL CORAGGIO DI

– Il tema del coraggio è il filo conduttore dei tre spot televisivi lanciati dalla presidenza del Consiglio e anche l’hashtag della campagna social su Twitter. Testimonial della campagna è l’ex pilota Alex Zanardi, oggi plurimedaglia per Londra 2012. Chi meglio di lui può insomma raccontare cosa significhi il coraggio di ricominciare.

guarda il video:

Nei giorni scorsi è stata lanciata una Call-To-Action su Twitter, valorizzata dal canale ufficiale @70esimo per raccogliere, tra gli utenti, le risposte alla domanda “che cosa è per te il coraggio?”. Sotto l’hashtag #ilcoraggiodi si risponde in vista del 25 aprile.


(In copertina partigiane durante la liberazione di Milano. Foto di Keystone/Getty Images)