rom mille euro mattino cinque
|

Mattino 5 risponde a Servizio Pubblico sull’intervista alla ragazza rom: «Menzogne infamanti»

Mediaset risponde all’accusa lanciata da Servizio Pubblico sull’ormai famosa intervista alle due ragazzine rom che avevano dichiarato di «rubare mille euro al giorno». Le telecamere del programma di Santoro sono tornate a intervistare le due ragazze, le quali avrebbero “confessato” di aver ricevuto venti euro dalla giornalista di Mattino Cinque per rilasciare quelle dichiarazioni. Il video, pubblicato nel tardo pomeriggio di ieri sul sito di Servizio Pubblico, ha scatenato subito un’accesa polemica. E, questa mattina, è arrivata la replica di Federico Novella, conduttore di Mattino Cinque.

rom mille euro mattino cinque
Un fotogramma dell’intervista di Servizio Pubblico alla ragazzina rom

 

MATTINO CINQUE: «MENZOGNE GRAVISSIME E INFAMANTI» –

Il giornalista dell’ammiraglia Mediaset ha risposto accusando Servizio Pubblico di aver detto delle «menzogne gravissime e infamanti», facendo intendere che le reti del Biscione passeranno a vie legali:

Siamo orgogliosi di questa intervista perché ha scoperchiato una verità che qualcuno vuole tenere nascosta. Non dobbiamo vergognarci per aver fatto il nostro lavoro.

 

«HO INCONTRATO QUELLE RAGAZZE PER CASO» –

Novella ha poi mandato in onda l’intervista di Francesca Bastone, questa volta in versione integrale, nella quale si può notare la perplessità della giornalista davanti alle dichiarazioni della ragazzina. La Bastone ha raccontato la sua versione dei fatti, dicendo anche di «farsi scivolare addosso» le «accuse infamanti» lanciate da Servizio Pubblico:

Le due ragazze le ho incontrate casualmente e hanno rilasciato le dichiarazioni spontaneamente. Non c’è stata ricompensa in denaro, lo può testimoniare l’operatore che è stato tutto il tempo con me.

 

LEGGI ANCHE: Matteo Salvini Vs Laura Boldrini: contesa sui Rom. Il leader leghista: radiamo al suolo i campi

 

«UNA TRAPPOLA» –

Novella è poi tornato sull’argomento, affermando che un tale comportamento da parte della concorrenza è una «trappola» per «strumentalizzare queste ragazze». Una trappola in cui «cadono colleghi di lungo corso che non dovrebbero caderci». Anche Francesca Bastone conclude sullo stesso tono:

È scandaloso usare le parole di due ragazze per tentare di screditare il lavoro di chi ogni giorno mette a rischio la propria incolumità per mostrare realmente cosa avviene.

 

(Photocredit copertina: Mediaset/Mattino Cinque – Immagine di repertorio)