|

I numeri segreti di Yara Gambirasio

Il settimanale Oggi rivela l’esistenza di 79 numeri «segreti» sul telefono di Yara Gambirasio, ma il dettaglio sembra irrilevante per il caso.

Massimo Giuseppe Bossetti 5

LE RIVELAZIONI SUL CASO YARA GAMBIRASIO –

La rivista Oggi pubblica una rivelazione in merito al caso dell’omicidio di Yara Gambirasio, uccisa il 26 novembre 2010 a Brembate di Sopra in provincia di Bergamo, delitto per il quale è accusato Massimo Bossetti:

Yara Gambirasio aveva nella memoria del suo cellulare solo nove numeri, ma ne aveva altri 79 nella memoria della Sim che conosceva solo lei ed erano protetti da un codice d’accesso del quale i genitori non sapevano l’esistenza. L’hanno scoperto gli inquirenti analizzando prima i tabulati e poi la Sim trovata in una tasca del giubbotto di Yara assieme alla batteria del suo telefono. Lo rivela il settimanale Oggi che, nel numero in edicola, dà conto di questo e di altri misteri sui quali la difesa di Massimo Bossetti è intenzionata a dare battaglia

I NUMERI «SEGRETI» –

Tuttavia il dettaglio, come spiega lo stesso articolo di seguito, non sembra avere rilevanza ai fini delle investigazioni, infatti:

Molti dei titolari di queste 79 utenze, interrogati, hanno dichiarato di non conoscere Yara. A uno di loro, un ragazzo di 13 anni, che ha detto di non averci mai parlato, viene chiesto come mai nel solo mese di gennaio 2010 fra la sua utenza e il cellulare di Yara risultano 109 contatti. “Non me lo so spiegare… Non ricordo di aver mai avuto il numero di Yara… A volte mi capita di prestare il mio telefono ad alcuni amici… È un mistero come sia potuto accadere…”.

LEGGI ANCHE: Yara Gambirasio, la difesa di Bossetti: «Non fu uccisa nel campo di Chignolo»

LA DIFESA LE PROVA TUTTE –

L’ipotesi è che quindi si tratti di numeri memorizzati da chi aveva in uso quel cellulare prima della ragazza, anche se la scoperta fornisce un appiglio agli avvocati di Bossetti, che continuano a esaminare le carte processuali in cerca di qualcosa di utile alla difesa del loro cliente, già imputato e messo all’angolo da una serie di circostanze decisamente sfavorevoli.