L’infelice battuta dei Nobraino sui migranti morti che fa arrabbiare tutti (anche Roy Paci)

di Redazione | 20/04/2015

«Poveracci». «Squallidi». «Ridicoli». Sono solo alcuni dei numerosi epiteti dispregiativi rivolti su Facebook ai componenti del gruppo rock romagnolo Nobraino, preso di mira per uno status sulla strage di migranti postati sulla propria pagina fan.

 

La realtà è di cattivo gusto

Posted by Nobraino on Domenica 19 aprile 2015

 

«La realtà è di cattivo gusto», è la frase che ora campeggia sul social network, ma la prima versione del commento dei Nobraino  su quanto accaduto nel Mar Mediterraneo era decisamente diversa: per vederla basta cliccare su edited

giornale

Frasi che non sono piaciute decisamente alla fanbase della band. I commenti degli utenti sono infatti categorici. Senza sconti. «Fate c… sia nel produrre satira che musica», ha scritto qualcuno. E ancora, un altro: «Oltre a fare abbondantemente c… musicalmente, avete anche il cervello arido di neuroni. Ci vediamo al prossimo concerto, giusto per dirvelo di persona quanto disgusto mi fate». «La vostra realtà non è di cattivo gusto – si legge ancora nei commenti – ma decisamente vergognosa. Dopo il vostro schifoso post di quest’oggi, prevedo che non cavalcherete il palco del #primomaggiotaranto. Noi abbiamo una dignità da difendere». «Vi dovrebbero censurare a vita». Anche Roy Paci e Chef Rubio sono intervenuti: il primo in particolare ha “esiliato” la band dal concerto del primo maggio di Taranto.

 

Unione Europea Premio Nobel per la pace

Posted by Nobraino on Domenica 19 aprile 2015

NOBRAINO, LE SCUSE DI FABBRI E LA REAZIONE DEL PUBBLICO –

Néstor Fabbri, chitarrista dei Nobraino ed identificato come autore del post, sul sito Internet della band ha pubblicato un comunicato in cui si scusa per la frase incriminata sciorinando il proprio curriculum vitae fatto di studi ed esperienze sul tema dell’immigrazione e dell’integrazione:

Mi occupo attivamente di protezione internazionale dei diritti umani dal 2009, quando ho conseguito la laurea specialistica presso la Facoltà di scienze politiche di Bologna con una tesi dal titolo Politiche migratorie dell’ Unione Europea.
Prima di dedicarmi a tempo pieno al chitarrismo ho lavorato presso alcune ONG in Spagna e Francia.
Nel 2010 le Edizioni Alicantine (Università di Alicante) hanno pubblicato un mio articolo scritto a quattro mani insieme a Peio M. Aierbe dal titolo : “Funcionalidad de los discursos sobre trata i tráfico de personas”, Fabbri, Aierbe, contenuto in “Migraciones, discursos e ideología en una sociedad globalizada”, reperibile on line attraverso google scholar e che risulta ancora attualissimo sul tema degli “scafisti”.
Nel 2011 coi Nobraino abbiamo preso parte, al progetto Boats 4 People: una flottiglia per fermare l’ecatombe nel Mediterraneo. Durante l’estate del 2012 la Goletta Oloferne, coordinata da B4P, ha pattugliato il Canale di Sicilia con lo scopo di aiutare le imbarcazioni di migranti in difficoltà e di denunciare le numerose omissioni di soccorso da parte delle autorità competenti.
Sempre in quell’anno è stata pubblicata una compilation contenente i brani di numerosi artisti euro-africani, curata da me e i cui proventi sono serviti a finanziare le ONG e associazioni che si occupano di protezione dei diritti dei migranti. La compilation, contenente un brano dei Nobraino dal titolo: “Il mangiabandiere”, è reperibile a questo indirizzo: http://www.boats4people.org/index.php/fr/accueil-boats-for-people/417-musique.
Nel 2013 i Nobraino hanno presentato al Premio Ilaria Alpi uno spettacolo dal titolo : Viaggiare e migrare, confini poco sottili. Sul sito trovate un testo dello spettacolo dal titolo: “Caduti del mare”.

In questi anni di studi, di attivismo e di impegno artistico ho passato tanto tempo a contatto con le storie e le vite dei migranti che transitano per il Mar Mediterraneo. Tanta era la rabbia nel dover assistere impotente ad ingiustizie, tragedie ed impunite violazioni dei diritti fondamentali, che ho iniziato a sviluppare una forma estrema di autodifesa, consistente nell’opporre al pericolo dell’inefficacia sociale un nucleo irriducibile di sopravvivenza basato sulla sfrontatezza. Mi sono rifugiato perciò dietro le vesti di un eccentrico barbagianni, provocatore testardo, beffeggiatore distanziato e distanziante che ogni cosa brutalizza.
Il mimetismo è diventato la mia strategia: quanto più ci si dissimula sotto i valori e gli ideali opposti, tanto più si ha la possibilità di vincere. Il criterio della forza, dice Nietzsche, è riuscire a vivere sotto il dominio dei valori contrari e volerli sempre di nuovo. Zarathustra è Zelig!
Il mio imperdonabile errore è di non essere stato retoricamente capace di indirizzare la sfrontatezza contro i reali responsabili del massacro: gli autori delle politiche migratorie europee. Finendo così per offendere associazioni, militanti e liberi cittadini pensanti che mettono la loro vita a disposizione dei più deboli.
Per questo motivo porgo a tutte le persone turbate ed addolorate dall’infelice esternazione di ieri le mie più umili scuse.

La reazione del pubblico è stata violenta con qualche fan che difende il gruppo e tanti altri che sulla pagina Facebook esprimono rabbia e sconcerto sia per la frase sia per le scuse:

(Foto di copertina: Facebook / pagina fan Nobraino)