Perchè schioccano le dita

di Redazione | 16/04/2015

Perchè schioccano le dita

Perchè schioccano le dita? Uno studio sulle articolazioni dell’università di Alberta, Canada, ha scoperto come mai le nocche emettano un suono particolare quando vengano allungate. Grazie a questa ricerca sarà possibile approfondire altri problemi di salute legati alle articolazioni.

Perchè schioccano le dita – Molte persone prima di affrontare un compito difficile si scrocchiano le dita. Lo stesso nome indica un rumore, uno schiocco, che è tipico di questo gesto. Quando uniamo le nostre mani e tiriamo le dita si emette un suono caratteristico, di cui ora si è scoperta l’origine. Un team di ricercatori dell’università di Alberta, guidati dal professor Greg Kawchuk, ha scoperto perchè schioccano le dita. Il segreto di questo suono è un momentaneo spazio vuoto formato nel fluido sinoviale tra le ossa delle dita e delle nocche. Quando l’articolazione è allungata in modo eccessivo, si forma questo spazio vuoto nel gas, simile a un bolla, che produce il caratteristico rumore al momento dello scoppio. Dopo numerose ricerche gli scienziati hanno dunque compreso perchè schioccano le dita, una scoperta che servirà per nuovi studi sulle articolazioni. Secondo Greg Kawchuk la scoperta del perchè schioccano le dita potrà portare a in miglioramento nelle analisi delle ferite alla colonna vertebrale, ai problemi al ginocchi e altre difficoltà delle articolazioni, rilevando i problemi prima della loro comparsa. I ricercatori del team di Kawchuk sono riusciti a capire perché schioccano le dita grazie all’Imaging a risonanza magnetica visualizzato in modo estremamente rallentati. Come si vede nel video, è stato filmato anche un piccolo flash bianco prima che schiocchino le dita, che in futuro potrà essere analizzato con più precisione quando miglioreranno le tecnologie di ripresa e visualizzazione dell’Imaging a risonanza magnetica.

LEGGI ANCHE

Perchè le donne vivono più degli uomini

Gli 11 motivi per cui correre fa bene alla salute

Photocredit: Screenshot di Youtube/RehabMedicineUofA