I rom “milionari” sgomberati a Roma

di Redazione | 16/04/2015

ignazio marino roma sel

Sulla cronaca del Messaggero oggi un pezzo a firma Panarella racconta di uno sgombro avvenuto a Roma nel campo di via Salone

LO SGOMBRO – Secondo la Panarella,

Sulla carta – nelle dichiarazioni sottoscritte al momento di entrare nei campi autorizzati – risultavano nullatenenti, o quasi. Famiglie indigenti, senza mezzi di sostentamento. Tanto da dover chiedere – e poi ottenere – un alloggio (un modulo abitativo, un container, con luce e acqua) al Comune nell’insediamento attrezzato di via di Salone (uno dei Villaggi della solidarietà).

Grande lo stupore della polizia municipale quando invece

Il controllo incrociato fatto dai vigili urbani con la collaborazione delle Poste ha portato alla scoperta di conti correnti, libretti di risparmio per più di tre milioni di euro (solo in questo campo). Per questo ieri alcuni abitanti sono stati sgomberati.

Proprio per questo è stato avviato l’allontamento

Le persone allontanate sono 106 (36 uomini, 22 donne e 48 minori), in tutto 17 famiglie bosniache e una romena. I motivi: alcuni non avevano diritto ad usufruire dell’assistenza, altri erano in possesso di conti correnti di centinaia di migliaia di euro, alcuni sono risultati pregiudicati, altri ancora occupanti abusivi. Le somme trovate sui libretti variano da 656 mila euro a 378; da 362 a 256 mila euro per arrivare a un totale di tre milioni e 139 mila. Insomma un tesoretto non segnalato – sulla cui provenienza sono in corso accertamenti – intestato a una ventina di persone.

La Polizia Locale ha allontanato questa mattina 102 persone che risiedevano senza averne titolo nel campo autorizzato di…

Posted by Ignazio Marino on Wednesday, April 15, 2015

MARINO – Il commento del Sindaco Marino

«La lotta per la legalità non è soltanto quella di Ostia dove abbiamo abbattuto i chioschi abusivi e aperto i varchi per il mare. Oggi gli stessi principi di legalità vengono applicati nei campi rom – ha commentato il sindaco, Ignazio Marino – Chi non ha titolo di starci deve andare via, chi infrange la legge deve essere punito come prevedono le leggi. Noi abbiamo sempre pensato ad una città accogliente, ma si può accogliere chi si comporta bene e chi vuole integrarsi: per questi obiettivi siamo impegnati. Ma la città e questa amministrazione non tollerano le violazioni della legalità e tanto meno la violenza, come è avvenuto ieri contro i dipendenti dell’Ama. Abbiamo iniziato il lavoro nei campi rom e lo continueremo con forza». […] «Abbiamo scoperto fino ad oggi quasi 10 milioni di euro in mano a queste persone che, al contrario, dovevano essere degli indigenti – spiegano i vigili – Sono 88 in tutto e siamo partiti da quelli che hanno conti correnti da 40.000 euro in su. Non hanno alcun lavoro lecito quindi questo denaro deve venire da altro».

Photocredit Ansa