La farmacista che cattura il ladro a mani nude

di Redazione | 13/04/2015

rapina roma farmacia

Rapina a Roma una farmacia ma la proprietaria lo cattura a mani nude: una scena indubbiamente non consueta da vedere. anche in una grande città come Roma: la donna, proprietaria di un esercizio farmaceutico al Tuscolano, esasperata dall’ennesimo tentativo di rapina ai suoi danni, non ci ha visto più; ed è riuscita a fermare, a mani nude,una rapina a mano armata e a recuperare il maltolto.

LEGGI ANCHE: Arrestati a Roma Termini per una rapina

LA FARMACISTA RAPINATA CHE CATTURA IL LADRO

I due malviventi sono entrati venerdì sera in farmacia: “Fermi tutti, alzate le mani – ha urlato – questa è una rapina, voglio i soldi dell’incasso». Sono trascorsi pochi minuti che agli ostaggi sono sembrati eterni. Il malvivente, una volta arraffati i soldi, è fuggito in strada a piedi. “ Tutto è accaduto in un secondo, dice la cronaca di Roma del Messaggero: vessata da furti su furti, la farmacista non ci  ha visto più.

Nella testa della farmacista, esasperata per aver già subito altre rapine, a quel punto è scattato qualcosa. Non ci ha pensato un attimo: è corsa in strada all’inseguimento del criminale e il suo coraggio è stato premiato anche da una scelta sbagliata del rapinatore che, per dileguarsi senza destare sospetti, aveva messo la pistola e i 2.000 euro del bottino in uno zainetto e lo aveva consegnato a un complice. La donna ha bloccato proprio quest’ultimo che non ha potuto prendere la pistola chiusa nello zaino. Insieme al cliente che l’aveva raggiunta, ha strattonato di peso il bandito facendolo cadere in terra, ha preso la sua giacca e l’ha tirata giù fino all’altezza delle braccia, immobilizzando così il malvivente, e lo ha portato di peso dentro la farmacia. L’uomo avrebbe rischiato il linciaggio se non fosse arrivato con tempestività un equipaggio della polizia.

Ad aiutare la donna, un cliente coraggioso che è riuscito a raggiungere il complice prima che arrivasse alla stazione della metropolitana. Il complice fuggito è già stato identificato.

Foto copertina: Steve / Flickr