|

Il miracolo dell’uomo salvato dopo 66 giorni di naufragio

Louis Jordan è stato recuperato ieri al largo delle coste della North Carolina dopo 66 giorni dalla sua scomparsa.

UN MIRACOLO DI SALVATAGGIO – Louis Jordan è stato recuperato ieri in mare al largo di capo Hatteras dal cargo battente bandiera tedesca Houston Express e da lì trasferito in elicottero in un ospedale di Norfolk, in Virginia, dove è stato trovato in discrete condizioni di salute nonostante i 66 giorni trascorsi in mare.

I DETTAGLI DA CHIARIRE – Non è ancora chiaro come l’uomo sia sopravvissuto per oltre due mesi in mare, per ora si sa solo che era stato dato per disperso dalla sua famiglia il 29 gennaio, 6 giorni dopo essere stato visto in un porto del South Carolina, e che più o meno da allora ha vissuto sulla chiglia rovesciata della sua barca a vela, il 35 piedi battezzato Alberg, nutrendosi di quel che è riuscito a pescare. L’imbarcazione si è ribaltata dopo aver perso l’albero in una tempesta. Ovviamente estasiata la famiglia, che ha gridato al miracolo.

LEGGI ANCHE: 17 marzo 1891: 562 emigranti italiani muoiono nel naufragio dell’Utopia

IL PRECEDENTE – Il suo caso tuttavia non è così impossibile come potrebbe apparire, nel 1989 una coppia rimase per 66 giorni su una zattera alla deriva nel Pacifico nei pressi delle Hawaii, dove però le temperature sono in genere molto più clementi di quanto non lo siano nell’Atlantico del Nord, finendo per essere salvata due mesi dopo al largo del Costarica.