L’agenzia interinale che propone contratti rumeni low-cost

di Redazione | 03/04/2015

Expo 2015

«Vinci la crisi, cosa stai ancora aspettando? Chi utilizza un lavoratore interinale rumeno risparmia». Non è una battuta di Maurizio Crozza per descrivere le avventure di un cinico imprenditore, ma uno slogan realmente comparso sul volantino di un’agenzia interinale che in queste ore sta facendo molto discutere. Il caso è stato denunciato dalla Cgil di Modena alla magistratura, all’Ispettorato del lavoro ed anche al ministro Giuliano Poletti. Il messaggio pubblicitario è comparso probabilmente anche in altre Regioni, non solo in Emilia Romagna.

LEGGI ANCHE: Lavoro: Jobs Act e Tfr in busta paga, ecco le novità

 

VOLANTINO PER CONTRATTI LOW COST: «NIENTE MALATTIA, TFR, INAIL» – Il volantino propone alle imprese lavoratori in offerta: senza diritti, senza Tfr, senza 13esima, senza diritto alle ferie per malattia ma anche poco propensi ad ammalarsi. «Beneficia del massimo della flessibilità ed in più: niente Inail, niente tredicesima, niente Inps, niente quattordicesima». E non solo: «Niente malattia, niente Tfr, niente infortuni, no problems, niente consulenti paghe. Alla tua azienda non rimane che pagare undici mensilità e non più 14 più tfr, come stai facendo, ed in più senza nemmeno dover anticipare l’Iva essendo le nostre fatture intracomunitarie». E poi: «Attenzione: il vostro autista non starà mai male!».

 

LEGGI ANCHE: Il lavoro della vita o una vita di lavoro?

 

VOLANTINO PER CONTRATTI LOW COST, LA DENUNCIA – In procura a denunciare il caso si è presentato il responsabile regionale legalità Cgil, Franco Zavatti, che ha dichiarato: si tratta «di un caso straordinario per dimensione, crudezza e cinismo, palese illegittimità, con fasulla maschera europea, il supersfruttamento irregolare e caporalesco del lavoro, nel nome del superare la crisi riducendo i costi». L’offerta riguarda lavoratori del settore autotrasporti, edilizia, turismo, meccanica e sanitario. Pd e Sel si preparano a portare la vicenda in Parlamento.

(Foto di copertina di Matteo Bazzi da archivio Ansa)