|

La vera storia della foto virale della «bambina che si arrende» alla macchina fotografica

Edit: articolo aggiornato al 31 marzo 2015

Da qualche giorno questa foto straziante: ritrae una bambina (edit: rintracciato dalla BBC Osman Sağırlı, autore della foto, avrebbe detto che si tratta di una bambina) che si arrende a una macchina fotografica, scambiandola per un’arma. La foto non è stata scattata dalla fotogiornalista Nadia Abu Shaban durante uno dei suoi viaggi ma è molto più vecchia, lei si è (come ha giustamente riportato sul suo profilo Twitter, da cui è stata forse maltradotta da chi ha fatto circolare la notizia) limitata a ricondividerla. La foto, come dicevamo, ha scatenato subito dibattito e accuse di manipolazioni: secondo alcuni, circolava almeno dal 2012. Scattata dal giornalista Osman Sağırlı, come riporta questa fonte in lingua turca, dovrebbe essere però dello scorso anno (così riferisce l’autore alla BBC). Secondo i report, la bambina verrebbe da uno dei campi profughi al confine fra Siria e Turchia, dove si trovava con la sua famiglia.

LEGGI ANCHE > LA VERA STORIA DELL’HASHTAG WE ARE COMING ROME DELL’ISIS

bimba arrende macchina fotografica