Miriam Leone
|

Miriam Leone, la sexy star del momento. Da Instagram alla Tv

E Miriam Leone all’improvviso divenne una diva. Suscitando le immancabili invidie delle colleghe. Bella e fortunata. Infatti, mentre il cinema e la tv piangono e maltrattano le attrici nostrane con ruoli penalizzanti e stereotipati, c’è chi li prende e li riempie di una presenza scenica clamorosa. E lo fa, addirittura, nella stessa serata. In cui decide di rivaleggiare con se stessa: La Dama Velata su Rai Uno vince la gara degli ascolti, nella parte di Veronica Castello nella serie cult 1992 cattura l’attenzione nella parte di una “puttana triste” come lei stessa l’ha definita durante la presentazione a Roma.

LEGGI ANCHE MIRIAM LEONE, LA SUA CARRIERA IN 10 TAPPE

E ora, nei confronti della bella protagonista di 1992 La serie, iniziano ad arrivare i giudizi, taglienti, forse figli di un pizzico di invidia, delle colleghe. Infatti, l’attrice Bianca Guaccero, sul suo profilo privato di Facebook, l’avrebbe attaccata in maniera pesante. Almeno secondo quanto riportato da Vanity Fair. «Da quando Miriam Leone fa l’attrice? E se la tira come Sharon Stone!» Carezze tra colleghe…

 

Miriam Leone Instagram
Miriam Leone Instagram

MIRIAM LEONE, MISS ITALIA

 

Nasce, il fenomeno Miriam Leone, nel 2008. Costume intero nero, numero 97, sopracciglia più lunghe e solo leggermente meno folte di quello che ora stabilisce una moda piuttosto demenziale, sorriso ampio, fisico già allora da urlo. Forse troppo normale per vincere. O forse no, perché quella rossa della porta accanto sbaraglia tutte le avversarie e si porta a casa fascia e corona. Perché dietro quegli occhi profondi e dolci – che però in 1992 diventano cinici e freddi con grande facilità – c’è ambizione, intelligenza e una grande determinazione. Non ha avuto fretta, Miriam. Ha preferito diventare brava, prima di sfondare piccolo e grande schermo. In fondo in tv già aveva colpito: a Salsomaggiore ci arriva grazie alla fascia di Miss presa ne L’anno che verrà condotto da Carlo Conti. Dall’anno dopo sceglie Unomattina e affini (Mattina in Famiglia, per dire) per crescere. Una di quelle scuole che può abbatterti o lanciarti. E lei, con quella sensualità che sa essere casta, all’occorrenza, e pure spudorata, nelle case degli italiani ci è entrata. Finché non è arrivato il cinema.

LEGGI ANCHE Ascolti tv di giovedì 2 aprile 2015 | Pareggio La dama velata-Il segreto

Miriam Leone
missitalia.it

MIRIAM LEONE,  IL CINEMA E IL FIDANZATO BOOSTA

 

Giovanni Veronesi si accorge di lei e decide di scritturarla per Genitori e Figli, nel ruolo di una giornalista. Il regista sa capire dove bellezza e fascino si sposano al talento. E, guarda un po’, interpreta lo stesso ruolo, quello che ricopre ottimamente in UnoMattina, pure ne I soliti idioti. Sa dove spendersi: Veronesi è uno dei registi con più mercato, Biggio e Mandelli sono un fenomeno pop e popolare. Non vuole svendersi, ma tra Rai e blockbuster sa di poter entrare in tutte le case degli italiani. Come la Cuccarini, il modello della sua Veronica in 1992. A differenza dell’arrivista Castello, però, non l’ha fatto facendosi amici potenti, ma con il lavoro. Il gossip, per quanto la riguarda, si è acceso solo quattro anni fa, quando dopo un concerto conobbe David Di Leo, detto Boosta. Una storia che dura da allora e che ora li vede romanticamente insieme anche nella serie Sky: lui alle musiche, lei a sconvolgere gli spettatori. Il cinema, forse, l’ha consacrata come interprete di qualità prima dell’exploit catodico di ieri: Fratelli unici di Alessio Maria Federici e La scuola più bella del mondo ne ha sottolineato lo charme, la simpatia, la capacità di sostenere copioni diversi. Può essere dolce, divertente, “sporca”, elegantissima.

 

Miriam Leone
Gian Mattia D’Alberto/LaPresse

 

MIRIAM LEONE 1992, LA SERIE DI SKY

 

Una scena di sesso con Stefano Accorsi, un pianto in un ristorante che si trasforma in una risposta sprezzante a Guido Caprino, lo sguardo impaurito rinchiuso in un provino finto, la spregiudicatezza con cui espone la sua ambizione e il suo modo di ringraziare con quel corpo inebriante che usa come una clava per avere quello che vuole. Veronica Castello è questo, è una escort ante litteram, di quelle che un tempo non volevano appartamenti, cd di Apicella con laute mance, ma occasioni. Lei “non vuole essere una delle tante” e per questo è pronta a passare per i letti dei potenti. Miriam sa interpretare questo ruolo sporco con un’innocenza diabolica, la sua bellezza viene valorizzata dai costumi e dalla sua capacità di muoversi e di attirare l’attenzione. Sembra incredibile, pensandola in altri ruoli più dolci. O meno spudorati, come è successo in Rai.

 

Miriam Leone
Mario Cartelli/LaPresse

LEGGI ANCHE 1992, la serie tv: Tangentopoli diventa House of Cards

 

MIRIAM LEONE, LA DAMA VELATA

 

Una sorta di Mattia Pascal al femminile si finge morta e torna a indagare su se stessa. Una storia che è un lungo, complesso flashback. E la protagonista è la rossa Clara, che si nasconde, nella vita, dietro un velo nero che non deve svelare il suo segreto ma che, fino ai 30 anni – tanto indaga il suo flashback – ha su vestiti da regina. Un noir d’altri tempi, una serie in costume che anche grazie all’eleganza e alla presenza scenica della Leone ieri ha stravinto la gara degli ascolti. Facendo in modo che la nostra nuova diva, questa rossa capace di essere una, nessuna e centomila, sia in un un paio d’ore entrata nei salotti più popolari con il servizio pubblico e poi in quelli più raffinati e radical chic di Sky. E se dobbiamo fidarci del nostro istinto, è nata una stella. Una di quelle che nel firmamento rimarranno a lungo.

LINK UTILI MIRIAM LEONE TWITTER FACEBOOK E INSTAGRAM

 

 

Queste alcune foto dal profilo Instagram di Miriam Leone molto seguito dai suoi fan:

Miriam Leone Instagram
Miriam Leone Instagram
Miriam Leone Instagram
Miriam Leone e Davide Dileo ‘Boosta’ Instagram
Miriam Leone Instagram
Miriam Leone Instagram

 

(Foto di copertina di Claudio Bernardi da archivio LaPresse)