|

‘Ndrangheta, maxi operazione: oltre 160 arresti in tutta Italia

dMaxi operazione contro la ‘ndrangheta in tutta Italia. In queste ore migliaia di uomini dell’Arma dei carabinieri stanno eseguendo 117 arresti in Emilia, di soggetti ritenuti responsabili a vario titolo di associazione di tipo mafioso, estorsione, usura, porto e detenzione illegali di armi da fuoco, intestazione fittizia di beni, riciclaggio, emissione di fatture false. L’indagine è condotta dalla procura distrettuale antimafia di Bologna. I provvedimenti di custodia cautelare, oltre che in Emilia Romagna, vengono eseguiti in Lombardia, Piemonte, Veneto e Sicilia. E si stanno muovendo anche le procure di Catanzaro e Brescia, che hanno emesso 46 provvedimenti. L’operazione si svolge anche con il supporto anche di elicotteri.

 

LEGGI ANCHE:
Caserta, i Casalesi controllavano l’ospedale: 24 arresti
Mafia Capitale e la Camorra truffavano anche sugli abiti «per i poveri»
Mafia Capitale, «Ignazio Marino e la procura ai ferri corti»

 

‘NDRANGHETA, COINVOLTI IMPRENDITORI E POLITICI – Il sodalizio criminale finito al centro dell’inchiesta è il clan dei Grande Aracri di Cutro, in provincia di Crotone, del quale da tempo è stata accertata l’infiltrazione nel territorio emiliano, soprattutto nella zona di Brescello, Reggio Emilia, dove vivono alcuni esponenti di spicco. A quanto si apprende alcuni dei reati hanno carattere transnazionale e interessano Austria, Germania, San Marino. Tra gli uomini finiti in manette ci sarebbero imprenditori attivi nel settore dell’edilizia e del movimento terra, alcuni di loro vincitori di appalti milionari della ricostruzione seguita al terremoto del 2012.  Nell’indagine sarebbero coinvolti anche politici locali ed alcuni esponenti delle istituzioni ed emergerebbe anche il sostegno elettorale imposto dai membri del clan dei Grande Aracri ad alcuni candidati emiliani alle Elezioni Amministrative. Si parla di sequestro di beni per circa 100 milioni di euro.

‘NDRANGHETA, ARRESTATO CONSIGLIERE REGGIANO DI FI – L’arresto eccellente dell’operazione odierna è quello di Giuseppe Pagliani, avvocato, consigliere comunale e provinciale di Forza Italia a Reggio Emilia. L’accusa al politico è di concorso esterno in associazione mafiosa. Pagliani è stato portato via da casa sua, ad Arceto, verso le 7.

(Foto di copertina di repertorio da archivio LaPresse)