Carrà: «La Cuccarini non ha accettato le mie scuse, ora basta»
|

Carrà: «La Cuccarini non ha accettato le mie scuse, ora basta»

Raffaella Carrà chiude la polemica con Lorella Cuccarini relativa al nuovo programma condotto dalla showgirl emiliana, «Forte, forte, forte», presentato questa mattina. E l’intenzione della Carrà è chiara: «questa storia non deve diventare un gossip. La Cuccarini non ha accettato le mie scuse, ora basta».

Carrà: «La Cuccarini non ha accettato le mie scuse, ora basta»
Stefano Colarieti/LaPresse

L’ACCUSA DI LORELLA CUCCARINI – Tutto è nato lo scorso novembre, quando Lorella Cuccarini scrisse su Twitter: «Non ci siamo incontrate per 30 anni, Raffaella. Spero di nn incontrarti nei prossimi 30. Umanamente sei stata un’amara delusione».
La showigirl aveva spiegato che due mesi prima, quindi a settembre, era stata contattata dalla Carrà per diventare giurata della nuova trasmissione, con la conduttrice che aveva avuto per lei parole splendide. Le cose poi presero una piega diversa: «Bibi Ballandi ha riferito al mio manager Lucio Presta che ci sono stati dei ripensamenti. Non una parola da parte di Raffaella. Non una spiegazione».

LEGGI ANCHE: “Forte Forte Forte”, il nuovo talent show di Raffaella Carrà

«TUTTO PER UNA TELEFONATA» – La Carrà, interpellata sulla questione e ripresa da Tiscali, reagisce con fermezza difendendosi nel tentativo di chiudere la polemica, lanciando però un’ultima frecciata alla collega: «Cosa ho fatto? Non ho telefonato a Lorella per dirle che gli autori e la produzione Ballandi avevano deciso di avere una giuria diversa da come era partita. Italiana ma anche aperta all’estero, nuova, diversa, una giuria composta da personalità insolite. Insomma si tratta di una telefonata non fatta e trovo veramente squallido andare avanti con questa storia».

«NON HA BISOGNO DI UN MIO PROGRAMMA» – Perché la Carrà non avrà telefonato ma ha mandato le sue spiegazioni per via scritta. E non è arrivata nessuna risposta: «In ogni modo Lorella Cuccarini non ha bisogno di fare un mio programma. Lei è una signora della tv italiana, una numero 1, che lavora e fa i suoi programmi. Qual è il problema? Una telefonata? Le ho già scritto le mie scuse. Adesso io direi basta. Visto che lei non rispondendomi evidentemente non le ha accettate. Punto e basta. Vorrei non parlarne più».

(Photocredit copertina Davide Spada/LaPresse)