|

«Facebook renderà pubblici tutti i messaggi privati», ma è una bufala

Facebook starebbe per pubblicare tutte le conversazioni private degli utenti per «stimolarli ad essere più onesti l’uno verso l’altro». È questo il nuovo “allarme” che sta circolando in queste ore sul popolare social network di Mark Zuckerberg. Naturalmente si tratta della classica bufala, ma a quanto pare in molti si starebbero chiedendo se esista un modo per evitare che questo accada.

Photocredit: SAEED KHAN/AFP/Getty Images
Photocredit: SAEED KHAN/AFP/Getty Images

«FACEBOOK PUBBBLICA I MESSAGGI PRIVATI PER PROMUOVERE L’ONESTÀ» – A rassicurare tutti ci ha pensato il famoso sito “antibufala” snopes.com che risale all’origine dell’allarme: il 17 dicembre scorso il sito satirico Empire News ha pubblicato un articolo dal titolo: «Facebook sta per rendere visibili a tutti i tuoi messaggi privati – Il motivo vi sconvolgerà!». Il testo era addirittura corredato da una (falsa) dichiarazione in persona di Mark Zuckerberg, che spiegava i motivi della sua scelta:

«Arriverà tra uno o due update. Pensiamo che sia una buona policy per promuovere l’onestà. E sarà retroattiva, quindi i vecchi messaggi saranno visibili per una settimana anche in caso disattivaste il vostro account»

«TORNIAMO TUTTI A MYSPACE!» – L’articolo si concludeva con un finto commento di un fantomatico utente di nome Mark Jacobs, che, arrabbiatissimo, suggeriva a tutti i suoi amici di «Tornare a MySpace» perché «Non c’erano problemi di privacy… Bei tempi, quelli».

 

LEGGI ANCHE: La bufala di Facebook che diventa a pagamento dal 1 gennaio 2015

 

UNA BUFALA – Senza rendersi conto della natura satirica dell’articolo e del sito intero, molte persone si sono fatte (comprensibilmente) prendere dal panico e, a quanto pare, la bufala si starebbe già diffondendo tra gli utenti anglofoni. Naturalmente possiamo tutti tirare un sospiro di sollievo: Facebook non sta per rendere pubblica la nostra corrispondenza privata. La nostra privacy e i nostri segreti, piccoli o grandi che siano, sono al sicuro.

 

(Photocredit copertina: SAEED KHAN/AFP/Getty Images)