|

Il gruppo che querela la Cia per aver utilizzato la sua musica per torturare i prigionieri di Guantanamo

La storica band canadese Skinny Puppy vuole querelare la Cia per aver utilizzato la loro musica per tortura i terroristi e ottenere da loro informazioni utili a combattere il fondamentalismo islamico e sventare attentati. Gli Skinny Puppy hanno chiesto un risarcimento di 666 mila dollari, una poco velata allusione al numero del diavolo.

SKINNY PUPPY E LA CIA – La Cia ha torturato diversi prigionieri di Guantanamo accusati di terrorismo facendo suonare ad altissimo volume la musica di diversi artisti pop e rock. Tra i musicisti utilizzati c’erano gli Skinny Puppy, un gruppo industrial piuttosto apprezzato nei circuiti dell’hard&heavy, calcati in una carriera ormai più che trentennale. La band canadese non ha però gradito l’utilizzo della loro musica fatta dai servizi segreti statunitensi, e ha detto di voler chiedere un risarcimento danni al governo Usa di 666 mila dollari. Una cifra che pare una diretta allusione al numero del diavolo, spesso citato in numerose canzoni dell’heavy metal, come «The number of the Beast» degli Iron Maiden. Il tastierista degli Skinny Puppy, Cevin Key, ha affermato all’emittente CTV come « la Cia abbia usato la nostra musica come arma contro le altre persone, senza chiedercelo. La nostra musica non può essere utilizzata per provocare danni ad altre persone».

LEGGI ANCHE:
Rapporto sulle torture americane: al Congresso si tratta
Il rapporto del Senato Usa sulle torture della CIA è peggio del previsto
La CIA ha mentito sui suoi successi e sulle torture

 

(Foto: Mario Tama / Getty Images)