|

Nicola Zingaretti e il suo staff contro Report: “Ecco le prove che tagliano le interviste”

«Anche i migliori sbagliano caro Report». Dal suo profilo Facebook Emanuele Lanfranchi, capo dell’ufficio stampa del Presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti, apre la polemica contro Report, ricostruendo i retroscena dell’inchiesta andata in onda ieri sera sulla nomina dei dirigenti esterni in Regione. Lo “J’accuse” di Lanfranchi sta già facendo discutere il web dopo che ha accusato il programma di Milena Gabanelli di realizzare i propri servizi con un “taglia e cuci” di dichiarazioni da parte degli intervistati, mettendo in evidenza soltanto i passaggi funzionali alla tesi portata avanti dall’autore dell’inchiesta.

nicola zingaretti Report 2
Facebook/Emanuele Lanfranchi

LO STAFF DI NICOLA ZINGARETTI CONTRO REPORT – Lanfranchi si fa sentire fin da sabato pomeriggio quando, racconta con un post su Facebook, dice di essere rimasto sorpreso nel vedere l’anteprima della puntata di Report che sarebbe andata in onda la domenica successiva: una puntata che avrebbe dovuto contenere anche l’intervista a Zingaretti sui risparmi della Regione Lazio, ma della quale sono state utilizzate soltanto alcune parti, dando al telespettatore l’impressione che l’intervista gravitasse esclusivamente intorno alla faccenda dei dirigenti esterni.

Voglio bene e apprezzo Report. E’ una trasmissione che rispetto fatta da giornalisti che stimo. Un programma che fa della legalità e della correttezza una bandiera. Per questo vedendo il trailer della puntata che andrà in onda domani sera sono rimasto deluso. Sì perché appare evidente che Giorgio Mottola, il giornalista che aveva chiesto l’intervista a Zingaretti sui risparmi raggiunti, ha preferito tagliare totalmente quella parte affrontando esclusivamente la questione dei dirigenti esterni. Stamattina ho chiamato il giornalista per avere spiegazioni. Ha confermato il mio sospetto (come potrete sentire dalla telefonata (integrale) che ho registrato e pubblicato)ossia che della parte “positiva” non ci sarà traccia nella puntata di domani. Io spero che la Gabanelli invece inserisca quella parte di intervista in cui Zingaretti racconta dei risultati raggiunti dalla nuova squadra di governo, del miliardo di tagli agli sprechi, del taglio di 500 poltrone e della riduzione delle società, del taglio dei vitalizi e delle tante persone a cui questi interventi hanno dato fastidio. Lo spero perché voglio continuare a credere che Report sia una trasmissione corretta, equilibrata e soprattutto giusta.

LA TELEFONATA TRA LANFRANCHI E MOTTOLA – Così Lanfranchi ha contattato telefonicamente Giorgio Mottola, il giornalista di Report autore dell’inchiesta, chiedendo spiegazioni. Una telefonata che è stata registrata da Lanfranchi e pubblicata integralmente su Facebook, durante la quale, come anticipa lo stesso Lanfranchi, il giornalista di Report conferma che non si parerà dei risultati “positivi” raggiunti da Zingaretti e dalla sua Giunta.

La registrazione della telefonata tra Emanuele Lanfranchi e Giorgio Mottola:

LANFRANCHI: «UN’INTERVISTA MONCA» – Lanfranchi ha poi atteso la fine della puntata di Report di domenica sera prima di affidare a un nuovo post su Facebook tutto il suo disappunto, denunciando non solo il fatto che l’intervista a Zingaretti fosse stata presentata ai telespettatori “monca”, ma anche il modus operandi della trasmissione di Rai3 che non ha approfondito dichiarazioni gravi rese dagli intervistati:

Forse per la prima volta in vita mia sono dispiaciuto di aver avuto ragione. Una intervista totalmente monca, priva di equilibrio, in cui sono stati usati solo gli ultimi 5 minuti. Ma non è tutto. Si spacciano per vere, senza alcun contraddittorio o effettiva verifica, dichiarazioni gravissime che gettano un’ombra sui bandi per l’assunzione di dirigenti esterni. E’ come se io dicessi che a calcio sono più forte di Messi ma non mi venisse chiesto di provarlo sul campo. Stessa identica cosa per le dichiarazioni dell’indovina Bernardeschi. Oltretutto non è mai stato chiarito che assumere dirigenti esterni è consentito dalla legge e che proprio quei dirigenti esterni, tanto vituperati dalla trasmissione, hanno rimesso in moto la macchina regionale e consentito di risparmiare in 1 anno e mezzo 1 MILIARDO di Euro. Anche i migliori sbagliano caro Report

nicola zingaretti Report 1
Facebook/Emanuele Lanfranchi

 

LEGGI ANCHE: Quando Marino diceva; “Regalerò il primo stipendio da sindaco alla coop 29 Giugno”

 

LANFRANCHI CONTRO REPORT: I COMMENTI – Le accuse di Lanfranchi non sono passate inosservate al pubblico; e mentre la registrazione della telefonata diventa virale, in molti commentano il fatto schierandosi chi contro il programma di Milena Gabanelli – accusandolo di essere fazioso e di lavorare in modo poco professionale –  chi contro Zingaretti, accusato di aver operato in modo illecito come mostrato nel servizio di Report, chi contro Lanfranchi che viene accusato di fare «il processo alle intenzioni» prima della messa in onda e di aver pubblicato una telefonata senza il consenso della controparte. (Lanfranchi spiegherà poi di aver ottenuto da Mottola la sua autorizzazione a pubblicare la telefonata)

 

(Photocredit copertina: Cosima Scavolini/LaPresse)