Kei Nishikori, il Sony Boy del tennis

di Andrea Mollica | 08/09/2014

Kei Nishikori, il primo giocatore giapponese ad entrare tra  i primi dieci tennisti del mondo, sta entusiasmando l’intera Asia. Dopo alcuni anni di carriera contraddistinti da sprazzi di talento e tanti infortuni, il giocatore allenato da Michael Chang può diventare il primo tennista giapponese a vincere un torneo del Grande Slam. Dopo aver eliminato il numero 1 al mondo Novak Djokovic, Nishikori sfida questa sera il croato Marin Cilin nella finale degli Us Open.

KEI NISHIKORI, IL TENNIS NELLA STORIA – Il 2014 è stato un anno rivoluzionario nel tennis. Per la prima volta da più di nove anni, dall’Australian Open del 2005,  una finale di un torneo del Grande Slam non sarà giocata da uno dei tre giocatori che ha dominato il circuito dal 2003 ad oggi, ovvero Roger Federer, Rafael Nadal e Novak Djokovic. Il grande protagonista di questa svolta è Kei Nishikori, il tennista che ha già fatto la storia diventando il primo giocatore giapponese ad entrare tra i primi dieci più forti del mondo. Nishikori ha creato un’enorme sensazione eliminando il numero 1 Novak Djokovic, stupendo il mondo del tennis ed entusiasmando l’Asia con il suo gioco dinamico, veloce ed aggressivo.  John McEnroe ha definito il suo diritto incrociato un patrimonio del tennis contemporaneo. Questa sera contenderà il titolo degli Us Open, l’ultimo Slam della stagione che si gioca sul veloce di New York, al croato Marin Cilic. Una sfida che batterà ogni record di ascolto in Giappone, paese attraversato in questi giorni dalla travolgente Nishikorimania.

KEI NISHIKORI, IL SONY BOY – Gli Us Open del 2014 sono stati caratterizzati dalla definitiva affermazione di Kei Nishikori. Il tennista giapponese aveva mostrato negli anni scorsi un notevole talento, ma finora la sua carriera era stata caratterizzata da numerosi infortuni. Quest’anno però ha avuto un po’ di tregua, ed è riuscito ad entrare per la prima volta nei primi 10. Visto che il Giappone non è un paese dotato di infrastrutture tecniche capaci di accompagnare la crescita di un tennista di altissimo livello, Nishikori si è trasferito da giovanissimo in Florida, presso l’accademia di Nick Bollettieri, uno dei centri di formazione più famosi e costosi del mondo. La Sony decise di sponsorizzare il talentuoso quattordicenne, poiché la sua famiglia da sola non avrebbe mai potuto finanziare l’iscrizione all’accademia. Un investimento decisamente riuscito, che questa sera potrà trovare un definitivo compimento.Un anno dopo esser stato eliminato al primo turno Kei Nishikori potrà vincere un titolo del Grande Slam, i quattro tornei definibili come i campionati mondiali del tennis. La numerosa comunità asiatica degli Stati Uniti è pronta ad esultare insieme al Giappone per la possibile vittoria agli Us Open. La finale si giocherà questa sera contro il croato Marin Cilic, capace di eliminare Roger Federer nel turno precedente.

 

 

Photocredit: Julian Finney/Getty Images