Vuelta, c’è un motore nella bici di Ryder Hesjedal?

di Maghdi Abo Abia | 04/09/2014

La Vuelta di Spagna si tinge di giallo. Nel corso della settima tappa il corridore canadese Ryder Hesjedal è caduto rovinosamente in curva. Fin qui nulla di strano, se non fosse che la ruota posteriore della bicicletta ha continuato a girare tanto forte anche a mezzo fermo tanto da farlo roteare su se stesso, prima che la bici venisse investita da una moto dello staff avvicinatasi al ciclista vincitore del Giro d’Italia nel 2012. E già si parla di un mini motore elettrico installato nel mezzo. Al momento non ci sono né conferme né smentite, ma quanto accaduto in Spagna fa tornare in mente la possibilità, espressa dall’attuale commissario tecnico della Nazionale Italiana di Ciclismo Davide Cassani, e ripresa da 20 minutes, che parlò nel 2010 dell’esistenza di un mini motore elettrico nella bicicletta di Fabian Cancellara, corridore vincitore in quell’anno del giro delle Fiandre. Il ciclista svizzero smentì ma quattro anni dopo il pensiero ritorna.

 

LEGGI ANCHE: Fabio Aru vince l’undicesima tappa della Vuelta di Spagna