Livorno, i Cinque Stelle nominano i nuovi assessori, ma il sindaco Nogarin nega

di Stefania Carboni | 19/08/2014

Una mail, di notte, per decidere le nomine degli assessori al bilancio e all’urbanistica di Livorno, nuovo comune a 5 stelle. Il problema è che accade tutto con un sindaco ignaro e per bocca del capogruppo M5S Francesco Bastone. Il sindaco 5 stelle Filippo Nogarin si trova infatti attualmente, per qualche giorno di relax, giù in Sicilia. E finora ribadisce il suo diritto nel nominare i due seggi in municipio. «La nomina è di mia competenza, io sono in ferie e finora non l’ho fatta. La mail del nostro capogruppo? Ripeto: le nomine sono di mia competenza e io sono in vacanza», ha ribadito a Il Tirreno. La storia, con tanto di mail allegate, la racconta il quotidiano in un pezzo a firma di Giulio Corsi.

Ci si aspettava un assessore e invece dal cilindro dell’amministrazione a Cinque Stelle ne sono sbucati due: al bilancio Gianni Lemmetti, classe 1969, nato a Pietrasanta e residente a Collodi, laureato in economia e commercio. E poi Paola Baldari, architetto livornese, 40 anni, che avrà la delega a piano strutturale ed edilizia privata, dimezzando o quasi svuotando quella di Alessandro Aurigi (che però rimane ufficialmente assessore all’urbanistica).

UN CORTO CIRCUITO? – Le nomine nella roccaforte livornese erano attese da tempo. Ma a farle dovrebbe esser il sindaco non il capogruppo 5 stelle. Come riporta il quotidiano locale mentre il sindaco postava foto dalle Saline di Mozia in Sicilia Bastone inviava tale comunicazione (con tanto di rettifica a seguito):

Il documento diffuso dal quotidiano Il Tirreno
Il documento diffuso dal quotidiano Il Tirreno

GIALLO E DIFFIDA SUL SIMBOLO – Nessuna nomina ufficiale per bocca del primo cittadino. E il caso si tinge di giallo. Le persone indicate saranno i tanto attesi assessori? Perché il capogruppo in consiglio anticipa le (presunte) intenzioni di Nogarin mandando una mail ad indirizzi non solo privati ma istituzionali del comune? E sopratutto perché il primo cittadino non rassicura sulla mossa del collega a 5 stelle facendo intravedere così una certa confusione nella nuova amministrazione toscana? Finora, a parte il niet del sindaco, non trapela nient’altro sulla vicenda. Quello che suona ambiguo è però una condivisione (qualche giorno prima del fattaccio) contro il sindaco sulla pagina Facebook Movimento 5 stelle Livorno. Il post, comparso sul gruppo 878, a firma di Marco Silveri, attivista romano, parla di una diffida presentata dal sindaco nei confronti di tale pagina Fb e nella persona di Marco Valiani, ex candidato, certificato e “primo dei non eletti”. “Il sindaco neo eletto Nogarin si sostituisce a Staff e Grillo” recita il post a cui si allega la missiva contro l’utilizzo del marchio a 5 stelle.

nogarin 2

«Nogarin dice che si ispira a Pizzarotti – continua il post diffuso in rete – bé, si faccia spiegare dal Pizza un po’ di cose….».

(Foto copertina Federico Bernini/LaPresse)