Le case di Lucio Dalla messe all’asta dai parenti del cantante

di Redazione | 08/08/2014

Lucio Dalla

Gli eredi di Lucio Dalla hanno deciso di mettere all’asta le case e la barca dell’artista tramite Immobiliare.it: con parte del ricavato hanno intenzione di aprire finalmente le porte della casa Museo di Lucio Dalla. Si tratta dell’immobile che il cantante possedeva a Milo, in Sicilia e nella quale produceva il suo vino e della sua casa bolognese che diventerà museo al piano terra e per il resto sarà privata, oltre alla sua barca, il Brilla & Billy. L’asta comincerà il prossimo primo settembre, per partecipare sarà necessario presentare un’offerta in busta chiusa tra l’1 e il 30 settembre 2014. Da questa mattina i beni sono visionabili sul sito dedicato.

Foto: Stefania D'Alessandro/Lapresse
Foto: Stefania D’Alessandro/LaPresse

LE CASE – L’iniziativa ha preso il nome “Spazi di Lucio” e si concluderà il 2 ottobre con l’apertura delle buste con le offerte. Ad essere messi all’incanto, sia pure con prezzo di riserva, sono le unità immobiliari al secondo, al terzo e quarto piano in via d’Azeglio. L’appartamente situato al secondo piano ha una superficie complessiva di 214 metri quadrati con ingresso, ampia zona soggiorno con camino, cucina, due camere da letto, un bagno e tre terrazzi. L’appartamento che occupa il terzo e quarto piano invece è di 220 metri quadri e si articola in un ingresso che si affaccia su Un salone a doppio volume, un soppalco, un’ampia cucina, tre camere da letto, due bagni e un ripostigilio.

Leggi anche: Lucio Dalla: in vendita la casa delle polemiche

LA VILLA – La villa di Milo, in provincia di Catania, dove il cantante era solito trascorrere le vacanze, misura 400 metri quadrati. Nello stesso lotto all’asta va anche la dependance della vila (50 metri quadrati), un locale tecnico (45 metri quadrati), un magazzino (20 metri quadrati) e il territorio intorno alle villa e il parco con piscina. Con tutti questi elementi, la proprietà di Milo arriva a 21.000 metri quadrati. Le visite agli immobili verranno gestite dall’Agenzia Gabetti Bologna Centro e dallo studio immobiliare Rosa Property Consulting. Come già detto, i proventi della vendita finanzieranno la casa museo dedicata all’artista, che prenderà forma al primo piano dello stabile di via D’azeglio. L’inaugurazione del museo verrà comunicata ufficialmente il prossimo autunno.

(Photocredit: Gian Mattia D’Alberto/LaPresse & Stefania D’Alessandro/LaPresse)