L’armata di Claudio Messora per la comunicazione in Europa

di Stefania Carboni | 30/06/2014

Oltre 104 mila euro in stipendi per il gruppo comunicazione, 84 mila euro per altre indennità escluse le figure del gruppo, 36 mila euro in totale per l’ammontare mensile lordo a disposizione dei parlamentari e un residuo mensile sui 15 mila euro al mese a disposizione per ogni eletto. Sono queste alcune delle cifre, accompagnate da nomi e cognomi, che rivelerebbero la squadra scelta da Claudio Messora, capo della comunicazione del Movimento 5 stelle a Strasburgo. Il file è stato diffuso venerdì notte da un account Facebook che sembra creato per l’occasione. Nelle ultime 24 ore sta girando nei gruppi e nelle chat di diversi attivisti a 5 stelle che, sbalorditi, chiedono già numi sulle cifre. Se confermato il documento rivela la squadra creatasi attorno al blogger pentastellato, confermando alcune voci grilline di queste settimane. Nel coordinamento figurano come vice Filippo Pittarello (braccio destro della Casaleggio), Margherita Pacileo già assistente M5S Senato), Magda Andreola (videomaker che ha già collaborato col Movimento a Roma), e Monia Benini (che salvo omonimie è conosciuta per la sua lotta “contro le scie chimiche“).

 

messora gruppo parlamento europeo

 

EX ASSISTENTI PE – Ventiquattro persone per 17 europarlamentari. La squadra è lunga e composta da persone che non hanno per forza un passato da attivista ma di un curriculum di rispetto. Per il Parlamento Europeo Messora (in linea con Milano) ha indicato altre personalità come quella di Monia Albertini (come consulente politico), in passato ex assistente dell’europarlamentare Pino Arlacchi (Pd). La stessa Monia figurerebbe a fianco di Beppe Grillo durante il primo incontro con Nigel Farage. Nella squadra con Messora si trovano anche Emanuele Sanguineti (ex ufficio stampa ECR) e Cecilia Arvedi (ex assistente di Gino Trematerra).

 

 

Ci sarebbero anche Diego Destro (Daw-Blog?) indicato per i rapporti con i media, diversi addetti per la comunicazione politica (con cognomi accreditati nelle scorse legislature) e nuove facce per l’area social eventi.

 

messora gruppo

 

Qui sotto la lista stipendi con numeri di fascia indicati:

 

messora m5s 4

 

«CASALEGGIO CI STA SFIDANDO?» – Il documento, che finora non è stato smentito, è stato oggetto ieri sera di ampia discussione su una radio 5 stelle (dal minuto 16:00 in poi). «Quando inizieranno ad eliminare i cerchi magici e a pensare alla democrazia partecipata? Casaleggio ci sta sfidando?», si chiede lo speaker alla radio web grillina. Nel frattempo il post rimbalza di pagina in pagina. Anche nel gruppo capitolino 878:

 

messora gruppo 2

 

METODO ALLA SBARRA– Qual’è il punto? Non c’è stata nessuna proposta pubblica di invio curriculum (come accadde per il Parlamento italiano) ma soltanto un gran riserbo. Dalla radio criticano appunto non i cognomi ma la metodologia usata: «Non è chiara dalle elezioni. Ventiquattro persone per 17 europarlamentari è da spiegare», aggiungono. Non solo: gli addetti alla comunicazione (due per ogni eletto) devono esser ancora scelti. In realtà alcuni curriculum sono certi ma è su questo punto che si baserebbe il mal di pancia di diversi neoeletti a Strasburgo. Primo perché la scelta non sarebbe partita dal deputato ma dal capo comunicazione, secondo perché certi cognomi, per chi ora siede al PE, sono “sconosciuti” e non rappresentano un elevato “standard di meritocrazia”. Stavolta non c’è nessuna mail critica diretta a Milano ma si profila una dura opposizione parlamentare se questa linea comunicativa verrà mantenuta. Intanto la base continua a chiedere. Una delle persone assunte che figura nella lista è stata contattata dagli attivisti. «Dove è stata diffusa?», avrebbe chiesto senza smentire né confermare il documento.

PARTE LA CACCIA ALL’HACKER – «Ogni partito si forma nell’ombra e si alimenta dell’immaginazione ed ignoranza della gente comune, quello di Beppe Grillo non fa eccezioni, basta leggere i quadri che formano il gruppo Parlamentare europeo», indica l’utente che ha diffuso lista e soldi. Si firma come Gino Lucetti, il nome del famoso anarchico che attentò alla vita di Mussolini a Porta Pia. La rivoluzione parte a suon di datagate e alimenta le agenzie uscite qualche giorno fa. «Avete dimenticato l’8 settembre e la nascita del Comitato di Liberazione Nazionale. Avete dimenticato», posta Lucetti. In tanti si chiedono chi ci sia dietro il rivoluzionario: un nome che ora sta mettendo in allerta Strasburgo.