Pontifex: ascesa e caduta di un tradizionalismo in odore di stalking

di Mazzetta | 15/09/2011

L’ex direttore di Pontifex è stato arrestato per atti persecutori nei confronti di una ragazza. Il sito cancella ogni sua traccia

Nei primi mesi dell’anno scorso mi sono imbattuto in Pontifex.roma.it, sito di apologetica cattolica che gli animatori sostenevano essere dedicato alla difesa della vera fede. Fino a qui niente di strano, ma Pontifex svettava sui soliti siti noiosetti dei cattolici per la sua impostazione molto arrembante.

IL CATTOLICESIMO DI PONTIFEX – Il cattolicesimo di Pontifex è di quelli che spaventano, un luogo dello spirito rimasto al medioevo nel quale s’intrecciano ignoranza, superstizione e tanta rabbia per i nemici della Vera Fede, ma l’aggressività mediatica di Pontifex era modernissima e il suo attivismo quasi frenetico. Così Pontifex diventò in breve noto e relativamente famoso, anche se il termine giusto è famigerato. Una raccolta di sbroccate deliranti contro gli omosessuali, gli ebrei, i comunisti, il ’68 e tutto quanto di solito fa salire il sangue a gente del genere. Piatto forte erano le interviste ai vescovi ed arcivescovi emeriti (cioè in pensione), con i poveri vecchi incoraggiati a dirne di tutti i colori.

SPROPOSTITI, INSULTI, VOLGARITA’ – Poi c’erano gli editoriali di CDP, angelologo, animatore del sito della Milizia di san Michele Arcangelo e altro ancora, e le famose interviste del giornalista e direttore del sito Bruno Volpe, capace di avere accesso a una schiera di Vips (li definisce così) imponente, ben lieta d’offrire il suo pensiero a un sito cattolico. Una raccolta di spropositi senza uguali, una collezione d’insulti e volgarità all’indirizzo di categorie, istituzioni, e singoli cittadini difficilmente eguagliabile, alla quale si aggiungevano espedienti per attirare l’attenzione, come l’annuncio di numerose denunce (poi mai pervenute) a diversi personaggi famosi accusati di quel che capitava li per lì.

DOPPIA MORALE – Il sito, pur visitato solo da una schiera di affezionati, raccoglieva un certo interesse presso gli amanti del trash e risultava utilissimo alle redazioni pigre per riempire i vuoti con qualche rumorosa stupidaggine. Durante le vacanze dello scorso anno, curiosando attorno al sito, ho scoperto dettagli divertenti, che poi ho riversato in un post destinato a inaugurare un rapporto personale con il sito degli apologeti. Nel titolo del post accuso ironicamente CDP  di promuovere lo sballo e i cambiamenti di sesso, perché ho scoperto che nei ritagli di tempo fa il webmaster per alcune grandi discoteche della riviera romagnola e il rappresentante chirurgiaplasticathailandia.net sito di una clinica thailandese nella quale si pratica la chirurgia estetica, comprese pratiche come il ringiovanimento vaginale e il cambio di sesso.

LA DENUNCIA E IL DOSSIER – Da allora il mio rapporto con Pontifex è stato abbastanza burrascoso, anche se le loro reazioni non hanno fatto che confermarmi l’impressione di avere a che fare con una compagnia d’estrosi sovreccitati, non esattamente dei bigotti timorati di Dio. Rapporto destinato a salire di tono quando ho osato affermare che la denuncia a Nanni Moretti che avevano annunciato sul sito fosse falsa, almeno a giudicare dal fogliaccio che avevano pubblicato come “dimostrazione” di quanto affermavano. Excusatio non petita e fatta male. A quel punto hanno annunciato denunce a mio carico e mi hanno dedicato un dossier, una vera investigazione, molto divertente davvero, con Pontifex le risate erano assicurate.

LE ACCUSE – Il tono stizzito con il quale m’accusavano di avergli provocato un danno perché dalle redazioni dei giornali avevano cominciato a mettere in dubbio i loro roboanti attacchi a questo o quello era davvero divertente, le loro reazioni e i loro commenti spesso sconfinavano nella più deliziosa commedia all’italiana. Insulti come “ex destrorso convertito all’ebraismo” li ricordo ancora con simpatia nella loro assurdità. Purtroppo tutto questo oggi non è più. CDP è sparito, cancellando molte delle sue tracce in rete. È sparita la sua firma da Pontifex e anche dal sito dei miliziani dell’arcangelo, è sparito il suo numero di telefono dal video che pubblicizzava la clinica thailandese, sono sparite le sue foto, quella in versione giovane d’oggi e anche quella in tonaca e barbone.

IL DECLINO – Il sito è ormai ridotto a un calendario dei santi, inframezzato da articoli presi da altri siti e da qualche editoriale di Don Stanzione, il prete di Pontifex, terza e ultima colonna rimasta del sito. Un crollo verticale, fine del divertimento Una disgrazia ha travolto Pontifex. La dura mano della giustizia è calata su Bruno Volpe. Non è stata una denuncia per diffamazione o calunnia tra le molte che pure sembrava aver raccolto Pontifex, non è stato nemmeno un tentativo di censura del potere, un attacco ai cristiani o la reazione della lobby omosessualista.

LA STORIA – È stato che questo Torquemada dei giorni nostri, uno che ad esempio invitava i sacerdoti a chiedere il certificato di verginità alle spose che si vogliono spiegare in bianco, giunto in vista della cinquantina si è innamorato di una giovane che ha la metà dei suoi anni e che ha avuto la disgrazia di trovare lavoro nell’azienda di un parente di Volpe, presso la quale lavorava anche il nostro giornalista, che è anche avvocato. Travolto dalla senile passione Volpe si è visto respinto e non è riuscito a a metabolizzare il rifiuto. Ne ha risentito anche Pontifex, invaso da numerosi articoli che attaccavano una ditta a caso e mettevano in dubbio la moralità di una sua dipendente a caso.

DA TRADIZIONALISTA A STALKER – Poi sul finire di luglio, il caldo ha fatto i suoi danni e:

Si è invaghito di una giovane di 26 anni, tanto da renderle la vita impossibile, tempestandola di sms, telefonate, e-mail, aggressioni, proposte immorali ma alla fine è stato sorpreso mentre scriveva con una bomboletta frasi ingiuriose sulle pareti dell’abitazione della vittima. Ieri sera al quartiere Picone di Bari, l’uomo, B.V., 49 anni, del quartiere Murat, è stato arrestato dai carabinieri con l’accusa di atti persecutori. La vittima lo aveva conosciuto quale consulente legale dell’azienda presso la quale lavorava da poco meno di un anno. Subito il 49enne ha manifestato le sue attenzioni per la giovane donna. Innanzitutto le ha chiesto più volte il numero di cellulare. Quindi lo stalker ha iniziato a rendere più ossessive le sue molestie con proposte oscene ad inequivocabile sfondo sessuale, maree di e-mail ed sms, telefonate e squilli effettuati in qualsiasi ora del giorno e della notte, fino al messaggio macabro: un fegato di animale messo vicino al citofono della vittima.

A causa di queste persecuzioni la ragazza si è vista costretta a cambiare radicalmente le proprie abitudini di vita, a partire dalle dimissioni dal proprio posto di lavoro fino a giungere all’impossibilità ad uscire da sola di casa, cosa che le ha creato stati d’ansia. L’epilogo della vicenda è avvenuto nella tarda serata di ieri, quando una pattuglia della Stazione Picone, in transito nella via in cui abita la vittima, ha sorpreso lo stalker mentre, con una bomboletta di vernice a spray, scriveva frasi ingiuriose sul muro perimetrale del condominio della donna e disegnava delle croci sul citofono. (fonte: La Gazzetta del Mezzogiorno)

SEDICENTI CATTOLICI – Molti degli appassionati osservatori del sito si sono interrogati sul significato del fegato vicino al citofono, ma la battaglia sembra persa, è un segreto di Volpe, nemmeno la comunità Pontilex.org, il sito nato per fare da contraltare a Pontifex, è riuscita a trovare riferimenti rituali accostabili. Pontilex.org è un’esperienza simpatica che riunisce cattolici e non cattolici offesi dall’esistenza di Pontifex, a dimostrazione che è vero che dal letame nascono i fior. Purtroppo la simpatica ironia che percorre la comunità è ora messa rischio dal nuovo assetto di Pontifex e dalla mancanza di sostituti all’altezza. Resta comunque una lettura fondamentale per chi sia interessato a capire il fenomeno Pontifex. È giusto chiamarlo fenomeno, perché questo improbabile gruppetto di sedicenti cattolici è diventato in poco tempo un sito con una rilevanza nazionale, citato dai giornali, echeggiato dai politici. Il tutto nonostante si trattasse di esibizioni talmente sopra le righe da risultare evidentemente prive di alcun fondamento o serietà.

FINE DEL GIOCO – Su Pontilex.org hanno fatto anche un elenco dei Vips che si sono fatti intervistare da Pontifex, spesso rilasciando spropositi mirati a una comunità d’estremisti. L’elenco è impressionante a testimoniare un accesso non comune al gotha della destra italiana, buffa e meno buffa, e al suo pensiero. Che obbiettivamente non sembra un gran bel pensiero. Pontifex non è più, Bruno Volpe non è più direttore e la repentina trasformazione del sito è passata nel silenzio assoluto di chi è rimasto. Ogni richiesta di commenti o d’informazioni su Volpe si è infranta nel nulla. Sulla pagina Facebook di Pontifex, ora sparita, qualcuno aveva scritto che non ne sapevano niente e che “poteva anche essere in vacanza”. Tacere, sopire, commenti chiusi, il sito “bonificato” togliendo centinaia di articoli dagli archivi, la tempesta non è finita, ci sono ancora le denunce relative a quanto pubblicato sul sito. È troppo facile dell’ironia sulla storia di Pontifex, più interessante notare invece come la buffa combriccola alla fine abbia contribuito a offrire lo spaccato di una parte della società italiana, che non esce bene, e abbia mostrato ancora una volta come per “far notizia” sia sufficiente spararle grosse e strillare tantissimo. Resta il rammarico per la dipartita, in casi del genere è difficile valutare se l’interesse accademico per fenomeni del genere valga la loro permanenza, ma sarei incline a concludere che la fine di Pontifex per com’era conosciuto sia comunque una cosa buona e giusta. Non abbiamo perso niente.