Ottoemezzo con Giovanni Floris e Beppe Severgnini

di Maghdi Abo Abia | 04/04/2014

OTTOEMEZZO, I LIBRI DI FLORIS E SEVERGNINI – Si chiude con il Punto di Paolo Pagliaro, nel quale vengono presentate le ultime fatiche letterarie di Beppe Severgnini e le prime di Giovanni Floris. Il giornalista del Corriere della Sera esalta il suo scritto che parte da una base di 20 parole, parole tonificanti che migliorano la vita del lettore. Giovanni Floris dal canto suo rifiuta l’idea di un libro autobiografico e racconta la storia di cinque amici che si separano prima dell’università e si trovano vent’anni dopo per una notte da leoni che li porterà in carcere. Si parla poi della parola resilienza, parola ispirata dal latino e che significa «che rimbalza» e che viene usata dai pediatri, spiega Floris, perché indica la morbidezza e l’elasticità dei bambini. E la resilienza, continua Severgnini, è la parola che indica la forza di rimanere normali per resistere alle difficoltà. E questo è il tema del libro di Giovanni Floris.

ottoemezzo

 

 

 

 

 

 

OTTOEMEZZO, IL FATTORE EUROPA – Si parla di Beppe Grillo che ha definito Papa Bergoglio il primo grillino. Secondo Severgnini è Grillo il primo papista in quanto parla ex catedra. Per Floris invece è opportuno pensare a tempi diversi, ricordando che la politica della protesta paga all’inizio ma alla lunga possa rappresentare un boomerang. Sul tema dell’Europa secondo Severgnini bisogna difendere la babysitter del nord, tedesca, che ci ha aiutato a migliorare negli ultimi trent’anni. E bisogna fare capire agli anti-europeisti che in futuro si rischia di tornare all’isolamento e che per questo bisognerebbe vivere un giorno senza Europa, tra frontiere, monete diverse e difficoltà. E coloro che protestano ed hanno votato contro l’Euro andrebbero zittiti incolpandoli di quanto accaduto. Per Giovanni Floris invece è opportuno difendere l’Europa e l’Euro che rappresenta una conquista che ha difeso l’Italia nei tempi di crisi. E per questo dobbiamo ringraziare la locomotiva europea che ci ha salvato, ricordando che l’uscita dalla moneta unica sarebbe una catastrofe. Sul tema degli 80 euro secondo Severgnini verranno dalla spending review mentre Floris non è così contento perché sostiene che la maggior parte di questi soldi verrà dagli interessi. Ed in questo caso il calo dello spread è un male perché come scende può salire. Impegnare questi soldi senza tutele rischia di creare problemi in caso di rialzi improvvisi.

ottoemezzo

 

 

 

 

 

 

OTTOEMEZZO, RENZI BRAVO O FORTUNATO? – Secondo Giovanni Floris è stato bravo perché ha raggiunto la sua posizione con forza e tenacia ed è stato molto fortunato per via dei tempi in cui si è trovato ad agire. Ed ha indovinato l’ora, come dice un proverbio sardo. Beppe Severgnini chiamato a rispondere sul fattore C, detenuto anche da Prodi, spiegando che si è trovato contro avversari di cartone ed ha rimasto sorpreso anche lui. Gli attori si sono squagliati come scenografie di teatro come avversari di partito ed avversari. E li ha abbattuti col fiato. Una lettura forte non condivisa da Floris che parla di una partita che si sta giocando anche se ha saputo cambiare strategia rispetto al contesto. E comunque non bisogna giungere a conclusioni affrettate perché la politica ha tempi lunghi e la Bce ha deciso di agire per immettere denaro nel mercato perché siamo messi male. Il compito è molto difficile e finora abbiamo solo visto che è bravo. Renzi a differenza di Letta, continua Floris, gioca sotto rete ma ci sono ancora delle questioni da affrontare. Si parla di Berlusconi, del suo ricovero e dei dolori al ginocchio causa di una somatizzazione, e secondo Severgnini sta esagerando per mettere in mezzo i suoi pensieri. Floris dal canto suo dice che è il modo migliore per chiudere una strategia politica lunga 20 anni ed oggi siamo in attesa di scoprire se sarà arrestato o andrà ai domiciliari. E l’agibilità politica secondo Floris significa fare politica. Secondo la legge non potrà parlare con pregiudicati e tossicodipendenti. C’è il rischio che vada i domiciliari visto lo scarso rispetto che ha avuto per i servizi sociali. E Severgnini non vuole commentare la parola agibilità sperando che possa ottenere i servizi sociali.

ottoemezzo

 

 

 

 

 

OTTOEMEZZO, LA PRESENTAZIONE – Questa sera a Ottoemezzo, il programma condotto da Lilli Gruber ed in onda su La7 a partire dalle 20.30 saranno ospiti il giornalista Beppe Severgnini ed il conduttore di Ballarò Giovanni Floris. Si parla della discesa dello spread sotto quota 160 punti, con la Bce pronta ad immettere 1000 miliardi di liquidità nei mercati. E ci si chiederà se Matteo Renzi è bravo o fortunato.

 

 

 

 

 

 

 

LEGGI ANCHE: Ottoemezzo con Matteo Renzi

ottoemezzo