Le regole per candidarsi alle Europee con il MoVimento 5 Stelle

di Dario Ferri | 26/03/2014

Beppe Grillo & Casaleggio sciolgono la riserva sulle candidature alle elezioni europee per il MoVimento 5 Stelle e oggi sul blog, sotto il titolo di “comunicato politico numero cinquantasei”, dettano le regole:

I candidati dovranno essere in possesso dei necessari requisiti di candidabilità e dovranno aderire al Codice di comportamento dei candidati e degli eletti del MoVimento 5 Stelle al Parlamento Europeo. La selezione dei candidati verrà effettuata attraverso votazione in Rete a cui potranno partecipare gli aderenti al MoVimento 5 Stelle aventi i requisiti, secondo l’apposita procedura di selezione dei candidati e formazione delle liste. Beppe Grillo, quale capo politico del MoVimento 5 Stelle e suo rappresentante, si occuperà degli adempimenti tecnico-burocratici necessari a consentire l’effettiva presentazione e partecipazione alle prossime elezioni europee 2014 delle liste dei candidati scelti in Rete, avvalendosi a tal fine di un gruppo di iscritti al MoVimento 5 Stelle che si sono resi disponibili a farsi carico di detti adempimenti, rinunziando preventivamente a presentare la propria candidatura alle prossime elezioni europee.

Ecco il volantino da scaricare dal blog di Beppe:

movimento 5 stelle regole candidature europeeVediamo nel dettaglio le regole. Ecco qui i requisiti di candidabilità:

Tutti coloro iscritti al MoVimento 5 Stelle entro data 31-12-12 e con documento certificato entro il 20 marzo 2014, non diffidati, non svolgenti carica elettiva e non facenti parte di una lista partecipante alle elezioni amministrative 2014 certificata o in via di certificazione. Devono avere 25 anni o più al 25 maggio 2014. Gli italiani residenti all’estero si potranno candidare e votare nella regione e circoscrizione dell’ultima città di residenza in Italia che avranno dovuto indicare nella loro pagina profilo sul MoVimento 5 Stelle.

La scelta del 31 dicembre mette al sicuro il MoVimento da quelli che si sono avvicinati ai grillini dopo il boom alle politiche. Curiosa la definizione del codice di comportamento:

movimento 5 stelle regole candidature europee 1Qui infatti si esplicita che le alleanze dovranno passare per la volontà di Grillo. Interessanti anche le regole sulla comunicazione:

movimento 5 stelle regole candidature europee 2Qui infatti ci si mette al riparo dal rischio parentopoli, che aveva avuto anche alcuni casi scottanti, e insieme si lega la comunicazione del singolo a quella del gruppo, dove i soggetti saranno scelti da Grillo e Casaleggio. Infine, le sanzioni:

movimento 5 stelle regole candidature europee 3E qui, come si vede, vengono certificate le regole già in uso in parlamento che hanno portato all’espulsione di molti cittadini. Il segnale è chiaro: si capisce benissimo chi comanda. Infine, le punizioni. Che potranno essere durissime, soprattutto per il portafogli:

“Ciascun candidato del MoVimento 5 Stelle al Parlamento europeo, prima delle votazioni per le liste elettorali, dovra’ sottoscrivere formalmente l’impegno al rispetto del presente codice di comportamento, con assunzione di specifico impegno a dimettersi da deputato sia in caso di condanna penale sia nell’ipotesi in cui venisse ritenuto gravemente inadempiente al rispetto del codice di comportamento e, in difetto, a versare l’importo di euro 250.000 al Comitato Promotore Elezioni Europee MoVimento 5 Stelle che lo devolvera’ ad ente benefico”.