Giulia Latorre e la storia della figlia del marò al Grande Fratello

di Redazione | 01/03/2014

– ”Ho visto nel Grande Fratello solo un’opportunità di gridare al mondo che mio padre e’ innocente, non volevo certamente diventare famosa strumentalizzando la sua vicenda”. Cosi’ Giulia Latorre replica alle accuse che molti internauti le stanno rivolgendo su Facebook dopo aver appreso che la figlia del fuciliere Massimiliano Latorre ha partecipato alle selezioni per il reality show di Mediaset. “Sono davvero a pezzi dopo gli insulti che ho ricevuto – aggiunge – purtroppo chi parla non conosce il mio stato d’animo ne’ quello che si prova a essere costretti a vivere da due anni lontana dal proprio padre: per riaverlo presto a casa, farei di tutto”. La ragazza pubblica una serie di status su Facebook per parlare della storia:

GIULIA LATORRE E IL GRANDE FRATELLO – “Siamo sconvolti e mortificati dalle reazioni di tanti che hanno frainteso la voglia di mia figlia di gridare l’innocenza di Massimiliano – spiega Mariella, mamma di Giulia – lei ogni giorno mi ripete che si sente impotente e che per suo padre andrebbe persino sulla luna”. “In tanti – ricorda Mariella – in questi due anni ci sono stati vicini e continuano a farlo: ci auguriamo che tutti comprendano qual era il vero senso delle parole di mia figlia”. “E’ questo – conclude – il messaggio che Giulia vuol far comprendere a tutti”.

GIULIA LATORRE E L’ANSA –
In mattinata era arrivata la dichiarazione rilasciata dalla ragazza. “Sogno di andare al Grande Fratello da quando sono minorenne – spiegava Giulia all’ANSA – ma non potevo partecipare alle selezioni. Adesso che ho vent’anni ci ho provato, ma non e’ andata bene”. “Mi sono iscritta online ai provini – ricorda – quasi per gioco: non avrei mai pensato mi chiamassero. Invece, poi, la sorpresa della convocazione a Roma ma tutto si e’ risolto con un ‘le faremo sapere’”. “Adesso – sottolinea – ho letto che il programma comincera’ il 3 marzo e, a quanto pare, io non ci saro’”. Giulia, pero’, proprio come il suo papa’, non perde le speranze: “Magari – dice – potrebbero chiamarmi a meta’ trasmissione: vorrei tanto fare questa bellissima esperienza”. (ANSA)

Foto copertina da qui