Il bambino con i denti nel cervello

di Redazione | 28/02/2014

Il suo è un caso più unico che raro e permetterà ai medici di studiare l’origine del cancro di cui era affetto, che gli ha provocato la crescita di alcuni denti nel cervello. Il caso in questione, descritto sul New England Journal of Medicine, riguarda un bambino di quattro mesi del Maryland, affetto da craniofaringioma: un raro tumore cerebrale che può crescere fino alle dimensioni di una palla da golf ma che non si diffonde poi nell’organismo.

craniofaringioma 1

IL BAMBINO CON I DENTI NEL CERVELLO – Insospettiti da una crescita anomala della circonferenza cranica del piccolo, i medici del Johns Hopkins Children’s Center di Baltimora hanno effettuato una risonanza, che ha evidenziato come nel cervello del bambino ci fosse un tumore, con al suo interno strani accumuli di calcio che somigliavano a denti.  Il bimbo è stato quindi sottoposto a un intervento, ma quando i medici hanno raggiunto la massa tumorale hanno scoperto che quelli che «sembravano denti» erano in realtà denti veri e propri che sono stati asportati con successo.

 

LEGGI ANCHE: «Invidio chi ha un cancro al seno»

 

UN TUMORE CHE SI GENERA DALLE CELLULE DEI DENTI? – «Non è una cosa che si vede tutti i giorni – ha detto a Livescience Narlin Beaty, il chirurgo che ha effettuato l’intervento e autore del report sul  New England Journal of Medicine – in questo tipo di tumore sembra essere la prima volta». In passato, infatti, dei denti sono stati trovati nei teratomi, tumori che contengono tutti e tre i tipi di cellule presenti nell’embrione, mentre il craniofaringioma ne ha solo uno. «Questo caso – spiega l’esperto – conferma i sospetti che il tumore si generi proprio dalle cellule che danno vita ai denti.»

IL PICCOLO STA BENE – Il bambino, che suo malgrado ha già dato un notevole contributo allo studio sul craniofaringioma, sta recuperando bene dopo l’intervento, anche se dovrà sottoporsi a terapia sostitutiva per tutta la vita perché, come si legge nello studio, il tumore si è sviluppato nella ghiandola pituitaria, fondamentale per la produzione di ormoni.

(Photocredit: New England Journal of Medicine)